Proietti, al Globe Theatre siamo pronti, ma come ripartire?

Proietti, al Globe Theatre siamo pronti, ma come ripartire?
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 16 APR - "Noi saremmo pronti pure domani a ripartire. Ma come?". Se lo domanda Gigi Proietti, nella conferenza stampa via social cui partecipa per annunciare la nascita dell'Archivio Silvano Toti Globe Theatre. Realizzato grazie alla collaborazione tra il teatro e l'Università di Roma Tre e a un'ulteriore convenzione siglata nel 2018 , da oggi mette a disposizione di studenti e studiosi tutti i materiali di questi 17 anni di lavoro e spettacoli su Shakespeare per il palcoscenico elisabettiano di Villa Borghese, che sin dall'inizio ha avuto la direzione artistica di Proietti. Un corpus unico di centinaia di video, foto, copioni, bozzetti, dati statistici del pubblico, studi critici, note di regia e rassegne stampa per documentare il dietro le quinte del Globe e tutto il lavoro complesso e collettivo che registi, costumisti, attori, attrezzisti, dentro e fuori la scena, hanno svolto dal 2003 a oggi. Consultabile presso il Centro Multimediale del Dipartimento di Lingue Letteraturee culture straniere di Roma Tre, l'Archivio ha anche un sito internet "aperto" con numerose chicche e la possibilità di conoscere quali materiali sono disponibili (archiviogloberoma.uniroma3.it). Come il Romeo e Giulietta con cui si aprì nel 2003 o la Bisbetica domata diretta da Loredana Scaramella con Carlotta Proietti protagonista o l'unica volta su quel palcoscenico di Gigi Proietti nell'Omaggio a Shakespeare tratto da Edmund Kean di Raymund Fitz Simons. "Lo Shakespeare che mi è rimasto sul gozzo, come si dice a Roma - dice lui - è Riccardo III. Quest'anno mi accontenterei di riprendere Edmund Kean. Ma chissà… Noi siamo pronti a partire anche domani con la nuova stagione. Possiamo ovviamente modificarla, ridurre gli spettatori. Ma bisognerebbe intanto avviare i lavori per sistemare il teatro dopo l'inverno. E poi, la gente verrà? Non so nemmeno a chi chiedere risposte". (ANSA).