Tiscali.it
SEGUICI

Da House of the Dragon alle feste con i (finti) Templari: ecco perché non riusciamo a fare più a meno del Medioevo

La resurrezione di un'epoca considerata buia e che ha invece molto da insegnarci per gestire il presente fatto di pestilenze, carestia e guerre. Come affrontare il futuro da visionari con i grandi classici della storia e del fantasy

Daniela Amentadi Daniela Amenta   
Da House of the Dragon alle feste con i (finti) Templari: ecco perché non riusciamo a fare più a meno del Medioevo

Il Medioevo non ci ha mai affascinato tanto come oggi, in pieno Terzo Millennio. Saranno anche i drammatici rimandi del presente tra pestilenze virali, guerra e carestia a farci rileggere questo periodo della Storia con uno sguardo più indulgente, se non addirittura complice e affettuoso. Libri, giochi di ruolo virtuali e no, cinema, serie tv, feste a tema in ogni dove: una mania che è un po' business, un po' tentativo di postuma celebrazione per fare i conti con il passato, quello che era stato liquidato come "buio", nefasto, sanguinario, e che è invece ha molteplici sfaccettature. Lo spiega bene, anzi benissimo, Alessandro Barbero, ordinario di Storia medievale dell'Università degli Studi del Piemonte Orientale. Ebbene: il podcast del professore è il più ascoltato in Italia, le sue lectio in teatri o arene vanno in sold out in pochi minuti e quel suo modo amabile di raccontarci il Medioevo come una fiaba tragica ed eroica ha prodotto migliaia di fervidi seguaci che quotidianamente sui social "postano" riflessioni su Templari, streghe, cavalieri e architettura gotica, e ragionano con appassionante impegno sul tempo che va dal 476, la deposizione di Romolo Augustolo, fino alla scoperta dell'America nel 1492.  "Un periodo affascinante e lunghissimo - commenta Barbero -. L'era delle infinite generazioni dentro un mondo cangiante".


Eppure, nonostante il successo mediatico, la parabola medievale a scuola si studia poco e male, e vivacchia e fatica la più celebre istituzione dedicata al tema: l'Istituto storico italiano per il Medio Evo diretto a Roma da Massimo Miglio, con un'organigramma affollato quanto il team di autori del Festival di Sanremo, a dispetto del rigore monastico che la questione imporrebbe. A dirlo è anche Franco Cardini, medievista di grandissima fama, esperto di Crociate anche quando scende in campo nei salotti tv dove guerreggia con piglio corrucciato. Già nel 2013 Cardini su Avvenire annotava: "La Modernità giunta alla sua fase conclusiva e trascolorante nel Postmoderno è ancora ferma, per certi versi, all’Illuminismo e al Romanticismo: e il fascino del Medioevo dipende largamente – Inquisizione, Graal, Templari & Co. – dalla querelle interna ai «due secoli / l’un contro l’altro armato», come li definiva il Manzoni. Chi ha ragione: Voltaire o Walter Scott? Diderot o Novalis? Tempo della barbarie e della superstizione o età della fede, del sentimento, della libertà e della fantasia? “Tenebre medievali” o “Luce del Medioevo”? Leggenda Nera o Leggenda Aurea?". Ecco, questo il punto. Anche la discrasia tra la Storia e la suggestione storica. Continua Cardini: "I fans del Medioevo corrono evidentemente a centinaia di migliaia a comprarsi l’ultimo Norman Cohn: quanti di loro hanno mai letto una riga di Huizinga o di Bloch, o magari di Le Goff, per tacere i nostri bravissimi italiani da Chittolini alla Frugoni a Sergi a Merlo a Montanari?".


Questa è la ferita vera degli storici e degli esperti: il successo editoriale di Dan Brown, ad esempio, mentre chi continua silenziosamente a studiare Dante resta nel retrobottega a guardare Benigni che lo recita in tv. Lo spiegano in un saggio intitolato "Il Medioevo nella percezione contemporanea: alcuni spunti per una riflessione" le storiche Anna Benvenuti e Isabella Gagliardi che scrivono: "Forse dobbiamo la sopravvivenza dei nostri insegnamenti medievistici più alle Nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley o a I pilastri della terra di Ken Follett che non alla corretta preparazione manualistica (quando c’era) impostata dai professori della scuola media".

Torniamo a bomba: ma perché il Medioevo tanto ci affascina con le sue cicatrici e il suo mondo favoloso e inquieto? Proprio Benvenuti e Gagliardi azzardano un'ipotesi che sembra corretta: è il periodo storico che più si presta alla battaglia finale tra Bene e Male. Da qui il successo epico, per dirne una, della saga di Tolkien (che dal 2 settembre arriva sotto forma di serie tv su Prime Video con Il Signore degli Anelli - Gli anelli del potere, racconto della Seconda Era della Terra di Mezzo) e di House of The Dragon, prequel del 'Trono di Spade', basato sui romanzi di George R.R. Martin, dieci episodi in onda su Sky e in streaming su Now in contemporanea con la messa in onda in America, su Hbo. Parliamo di una platea gigantesca nel mondo: un business formidabile tra gadget, giochi, addirittura la ricostruzione del Castello Nero con i mattoncini in stile Lego già acquistabile on line per circa 32 euro.

Per Marcello Simoni, scrittore da un milione di copie (almeno) e autore di testi culto come Il mercante di libri maledetti, il Codice Millenarius e L'abbazia dei cento delitti, è sbagliato però parlare solo di fantasy. In un'intervista al Giornale spiega che l'epopea editoriale de "Il trono di spade" non è solo una favola ben scritta. "Ci sono elementi di storia - sostiene - dove vengono riportati eventi del tardo Medioevo, come la Guerra delle due rose e quella dei Cent'anni". Per Simoni l'attrazione irresistibile per il Medioevo è presto detta: "E' un'era in cui l'uomo dà prova di genialità ed è un visionario. Ha una facilità di ragionare per simboli che si è persa. Si pensi al templare: un monaco, ma anche un guerriero".
L'eroe dell'età di mezzo è infatti un combattente nel nome di Dio: è coraggioso, audace e anche terribilmente violento pur di portare a compimento la propria missione. E' il salvatore, una figura centrale sia che si chiami Carlomagno o Federico II di Svevia, Cola di Rienzo o Riccardo cuor di leone, Artù o Robin Hood, Orlando o Guglielmo Tell. E' un santo militare che tra realtà e leggenda conquista e insieme si fa giustizia.

Probabilmente in questa nostra contemporaneità così dura e pragmatica, di materialismo digitale e terrore quotidiano, ci mancano i miti, quelli che difendono le anime belle e riportano ordine nel caos cosmico, quelli che ci ostiniamo a far rivivere nelle Calendimaggio ad Assisi, nella Giostra della Quintana ad Ascoli, nella Fiera delle Gaite a Bevagna. I nostri super eroi che accompagnati da Sommi Poeti e creature incredibili ci salvano da una quotidianità faticosa, in cui il domani non è nascosto come un segreto nella biblioteca di un monastero, né nelle magie di un anello, e neppure nel nido di draghi fedeli come cani. Ci vorrebbe una spinta e non la troviamo. Per questo il passato sembra più rassicurante del presente, soprattutto del futuro.
Ben tornati nel Medioevo.

Daniela Amentadi Daniela Amenta   

I più recenti

Marotta&Cafiero Napoli Scampia spacciatori di libri
Marotta&Cafiero Napoli Scampia spacciatori di libri
L'utilizzo della Cattedrale di Canterbury per quello scopo fa urlare al sacrilegio”. I fedeli protestano
L'utilizzo della Cattedrale di Canterbury per quello scopo fa urlare al sacrilegio”. I fedeli protestano
Il piccolo Max Alexander e Sharon Stone (foto dal Instagram, couture.to.the.max e da Ansa)
Il piccolo Max Alexander e Sharon Stone (foto dal Instagram, couture.to.the.max e da Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...