Tiscali.it
SEGUICI

Gli elmi cornuti trovati in Danimarca non sono vichinghi, appartengono agli antichi shardana

Tutta colpa di Wagner. Nel 2019 un’archeologa scopre dei residui organici su uno dei corni. L’analisi successiva colloca gli elmi in un periodo intorno al 900 a.C. circa. Nel periodo del bronzo. Nel periodo degli shardana

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   

Nell’immagine popolare e in certa filmografia i vichinghi vengono raffigurati come intrepidi guerrieri dall’elmo cornuto. In realtà i norreni non erano soliti portare questi tipi di copricapo. Pare che tale iconografia sia nata dopo il 1876 con la rappresentazione fornita, per esigenze teatrali, dall’opera di Richard Wagner L’anello del Nibelungo. In quell’occasione, infatti, il costumista Carl Emil Doepler li immaginò con l’elmo dotato di corna, forse per renderli più terrificanti agli occhi degli spettatori.

Da quel momento i vichinghi - nella vita normale o nelle battaglie, a terra o a bordo dei loro drakar - vennero rappresentati in film, fumetti e altre forme d’arte, addobbati in tale maniera.

Video

Lo stereotipo del vichingo e gli elmi di Vikso

Così l’elmo cornuto diviene caratteristica fondamentale e stereotipata del vichingo che, da allora, viene immaginato così agghindato. Per di più, nel 1942, vengono ritrovati in Danimarca i cosiddetti elmi di Viksø. In pratica due copricapo in bronzo, decorati con due sporgenze che paiono rappresentare gli occhi e le sopracciglia, delle borchie, una cresta centrale dove probabilmente veniva inserito un ornamento fatto di crini di cavallo o piume d'uccello e, da ultimo, un bel paio di corna ricurve, a ricordare quelle del toro.  

Sembrava proprio la conferma del fatto che l’elmo cornuto facesse parte dell’armamentario norreno. Un elemento adatto a esaltare potenza, bellicosità e coraggio. Caratteristiche leggendarie della fama di quel glorioso popolo.

Non sono vichinghi

Ed invece quegli elmi - attuale patrimonio del Museo Nazionale di Danimarca - non avevano proprio nulla a che vedere con i guerrieri del Nord dominatori dei mari nei secoli intorno al mille.

A dire il vero, fin dall’inizio, molti esperti si dissero dubbiosi sul fatto che quei copricapo appartenessero ai vichinghi. Ma le poche possibilità di datazione scientifica (radiocarbonio) sui metalli, all’inizio, non consentirono di pronunciare la parola definitiva. In seguito però nuove possibilità offerte all’analisi scientifica modificarono le cose.

L'analisi dei residui organici

Quando nel 2019 l’archeologa Heide Wrobel Nørgaard individua dei residui organici (una sorta di colla vegetale) su uno dei corni, l’analisi restituisce una datazione degli elmi corrispondente al 900 a.C. circa. In sostanza si scopre che quei reperti, portati alla luce per caso da un operaio nella palude di Viksø, appartengono ad un’epoca anteriore di circa 1500 anni all’epoca dei vichinghi (VIII-XI secolo d.C.).

Addio conferma della credenza popolare che vorrebbe i terribili navigatori norreni dotati di elmo cornuto, insomma.

Anzi, si fa strada la consapevolezza che quegli elmi potrebbero arrivare da lontano. Da terre molto più a Sud della Penisola Scandinava. La loro decorazione, col probabile piumaggio e le corna taurine, richiamano infatti fortemente culture di luoghi come la penisola Iberica ma soprattutto l’antica Sardegna, la patria degli shardana che, nei bronzetti e nelle statue in pietra di Mont’e Prama vengono raffigurati con elmi di quel tipo.

Video

Molti archeologi come Helle Vandkilde dichiarano – a questo proposito -  che quei copricapo di bronzo “dimostrano come già all’epoca esistessero scambi commerciali attraverso una rotta che dal Mediterraneo giungeva alla costa atlantica”.

Elmi del Mediterraneo, molto probabilmente shardana

Gli elmi ritrovati nella torbiera di Viksø, risultati adagiati un tempo su un supporto di frassino, sono stati ritenuti dai ricercatori scandinavi frutto, probabilmente, di un’offerta fatta agli dei nel corso di una cerimonia rapportabile ad un culto solare. Un culto associato magari anche a divinità più specifiche con attributi animali (toro?). Il tutto “inserito in una società caratterizzata da una cultura fondata sull’etica guerriera”.

Un quadro che calza perfettamente, insomma, con quello offerto dai Popoli del mare dell’età del bronzo e – soprattutto – dal popolo raffigurato nella bronzistica sarda, quello shardana.

Video

Vedi anche

"I terribili shardana che dominarono il Mediterraneo con altri Popoli del mare erano i sardi: ecco le prove" (1^ parte)

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   
I più recenti
Casa dei Ceii a Pompei e nella foto piccola la parete danneggiata (Ansa)
Casa dei Ceii a Pompei e nella foto piccola la parete danneggiata (Ansa)
Evelina Christillin e Zahi Hawass (Ansa)
Evelina Christillin e Zahi Hawass (Ansa)
Antica nave al largo delle coste israeliane
Antica nave al largo delle coste israeliane
Spiaggia di Ercolano: scheletri dei fuggiaschi (Ansa)
Spiaggia di Ercolano: scheletri dei fuggiaschi (Ansa)
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...