Tiscali.it
SEGUICI

La Maria di Nazareth di Zucca sconvolge: è pagana e femminista. Alberti: “Una Madonna che sorride”

Nel Vangelo secondo Maria, film con Benedetta Porcaroli e Alessandro Gassmann, sceneggiato insieme a Paolo Zucca da Barbara Alberti, autrice del libro da cui è tratto, e da Amedeo Pagani, si incontra una donna non contenta del suo destino

TiscaliNews   
Il Vangelo secondo Maria (Ansa)
Il Vangelo secondo Maria (Ansa)

La Maria di  Nazareth del film di Paolo Zucca, tratto dal romanzo di Barbara Alberti ha poco in comune con l’immagine classica e popolare della Madonna. Si tratta di una donna pagana, ladra, selvaggia e femminista. Una donna non contenta del suo destino che dice a Dio: “Perché proprio a me?”. Il Vangelo secondo Maria, con Benedetta Porcaroli e Alessandro Gassmann, sceneggiato insieme a Zucca dalla stessa Alberti e da Amedeo Pagani, ha scosso il Torino Film Festival. Tratta del resto un tema profondo e attuale che impone profonde riflessioni culturali. 

Benedetta Porcaroli in una scena del film (Ansa)

"Le donne possono essere di più di una figurina del dolore"

"Ho scritto questo libro nel 1979 al solo scopo di far sorridere la Madonna - spiega Barbara Alberti - Viene sempre rappresentata come una serva assoluta che per destino dovrà solo piangere e partorire senza conoscere uomo. Insomma, l'indicazione che veniva data alle donne era piangere. Credo che noi donne possiamo essere qualcosa di più di una figurina del dolore”.

Alessandro Gassmann interpreta Giuseppe (Ansa)

Fuori Concorso al 41. Torino Film Festival il film Sky Original, prodotto da La Luna, Indigo Film, Vision Distribution, al cinema in primavera con Vision e successivamente in esclusiva su Sky e in streaming solo su Now, mette in campo una Maria ragazzina a Nazareth dove tutto le è proibito, anche imparare a leggere e scrivere, un vero inferno per lei che sogna di scappare quanto prima su un asino come fanno i profeti per andare alla scoperta del mondo. Dopo aver messo a tappeto ogni pretendente trova in Giuseppe (Alessandro Gassmann) un maestro di saggezza, ma il loro matrimonio è casto, mentre lui segretamente la istruisce, preparandola alla fuga.

Il regista Paolo Zucca (Ansa)

Se scatta la passione ma l'angelo la rovina

Ma ecco un ostacolo imprevisto: Maria e Giuseppe si innamorano. Stanno per abbandonarsi alla passione, quando l'angelo dell'annunciazione rovina tutto. Il fatto è che il piano di Dio e quello di Maria non coincidono. "Prima di tutto questa è una storia d'amore. Un amore asimmetrico, fragile, che nasce e si evolve in circostanze imprevedibili ed inedite. Un amore così tenace da sfidare il destino, la volontà divina, la morte" dice il regista che ha girato il film nei luoghi più antichi della cultura sarda, usando anche il dialetto locale (o per meglio dire la lingua, ndr) al posto dell'aramaico.

Barbara Alberti (Ansa)

"Abbiamo cercato di evocare - spiega Zucca -, attraverso lo straordinario patrimonio archeologico e antropologico della Sardegna, la comune matrice mediterranea di civiltà agro-pastorali antichissime".

"Interpreto Giuseppe - sottolinea Gassmann - fuori dagli schemi classici: è un uomo solo, colto, che ha viaggiato e trova difficoltà a dialogare e, con questa ragazza, risolve la sua esistenza. Credo fermamente una cosa che sosteneva mio padre, che le donne sono superiori agli uomini e che se fossero state al potere avremmo avuto una società migliore".

La differenza tra il femminismo raccontato da Barbara Alberti nel suo libro nel 1979 e quello di oggi? "Allora non era piagnone - dice la scrittrice -, oggi si protesta, si parla solo di donne, ma poi ci ammazzano ugualmente. È un femminismo piagnone e inconcludente".

TiscaliNews   

I più recenti

Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...