Tiscali.it
SEGUICI

Tavoletta ittita di 3.300 anni: "I problemi di comunicazione tra dei ed esseri umani e la catastrofica invasione straniera"

Ci sarebbe scritto che "quattro città, inclusa la capitale Hattusa, sono in condizione disastrose” e poi "la formula di una preghiera". La "lode al dio e ai suoi antenati divini con l'elenco dei re nemici"

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   
La tavoletta ittita (foto credit Kimiyoshi Matsumura, Istituto giapponese di archeologia anatolica)

Avrebbe almeno 3300 anni la tavoletta in argilla recuperata dagli archeologi a Büklükale, a un centinaio di chilometri da Ankara, in Turchia. Vi sarebbe descritta in cuneiforme una catastrofica invasione straniera dell’impero ittita.

Dalla sua traduzione emergerebbe che l’invasione, avvenne nell’ambito di una guerra civile, e per sostenere una delle fazioni in lotta. L'iscrizione "sembra provenire da un periodo di guerra civile di cui siamo a conoscenza da altri testi ittiti", ha detto l'archeologo. “Durante questo periodo, il regno ittita fu invaso contemporaneamente da molte direzioni. E molte città furono distrutte”.

Trovata da un archeologo giapponese

La tavoletta in questione, grande quanto il palmo di una mano, è stata trovata a maggio dell’anno scorso da un archeologo giapponese, Kimiyoshi Matsumura, dell'Istituto giapponese di archeologia anatolica.
 
L’esperto dopo aver ricordato che gli ittiti utilizzavano la lingua hurrita per le cerimonie religiose, ci fa sapere che la tavoletta conterrebbe la registrazione di un rituale sacro eseguito dal re ittita.

Video

La lingua hurrita

La lingua hurrita, parlata dagli ultimi secoli del terzo millennio a.C. fino agli ultimi anni dell'impero ittita (circa 1400 – 1190 a.C.), ormai estinta, non è imparentata né con le lingue indoeuropee né con quelle semitiche. L'hurrita era originariamente la lingua del regno Mitanni della regione, che in seguito divenne uno stato vassallo ittita.
 
In pratica si tratta di una lingua ancora poco conosciuta e gli esperti avrebbero trascorso parecchi mesi cercando di comprendere il significato dell’iscrizione, come ha spiegato Matsumura.
 
Sembra che la preghiera sia indirizzata a Teššob (o Teshub), il dio della tempesta per gli hurriti, capo sia del loro pantheon che di quello ittita.
 
Si esplicherebbe in una lode al dio e ai suoi antenati divini e menzionerebbe ripetutamente i problemi di comunicazione tra gli dei e gli esseri umani. Elencherebbe poi diversi individui che sembrano essere stati re nemici e si concluderebbe con una richiesta di consiglio divino, spiega l’archeologo.

Il crollo dell'impero ittita

Sarà bene ricordare, a questo punto che il crollo dell’impero ittita, all'inizio del XII secolo, è attribuito a una serie di cause, tra cui la guerra civile, il mutamento climatico e, in particolare, l’arrivo di invasori come i popoli del mare, i kaski, i frigi e i greci micenei sempre pronti a insidiare i confini di Hatti.
 
Il documento in questione però non farebbe riferimento - secondo lo studioso - a quel momento. L’invasione indicata dalla tavoletta non avrebbe nulla a che vedere – insomma - con la fine dell'impero ittita. Matsumura ritiene che la tavoletta risalga al regno del re Tudhaliya II, tra il 1380 e il 1370 a.C. circa. Quindi circa 200 anni prima del crollo della tarda età del bronzo.
 
VEDI ANCHE

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

I misteri della Piramide, Malanga: “Altro che cunicolo, noi abbiamo rilevato enigmatiche e gigantesche strutture”

Perchè Hitler voleva il Santo Graal e la lancia di Longino: da Agarthi ai misteri del Tibet, la caccia esoterica dei nazisti

La misteriosa mappa di Piri Reis con l’Antartide prima che fosse coperta dai ghiacci. Copiata da carte prediluviane?

Mar Nero, scoperti i relitti di 60 antiche navi: una è la più antica del mondo. Alcune hanno forme sconosciute

Nel canale uterino e nel torace le prove di un orribile parto: studiosi scioccati dopo l'analisi della mummia

I Neanderthal si baciavano (e non solo) con i Sapiens e sapevano curarsi con medicine naturali

Cosa ci fa un monolito con iscrizioni sumere in Sud America? Per gli archeologi ufficiali è difficile spiegarlo

Nell’Oceano un galeone col più grande tesoro della storia: bauli di monete, oro e smeraldi. Chi se lo contende

Antiche piramidi al largo di Cuba: da far riscrivere la storia, fu clamore mondiale. Eppure non se ne parla più

Gunung Padang sconcerta gli archeologi, scoperta la più antica piramide del mondo: è dell’era glaciale

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 

 

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   

I più recenti

La via lattea raffigurata dalla dea egizia Nut (Ansa)
La via lattea raffigurata dalla dea egizia Nut (Ansa)
Il pugnale di Tutankhamon non è egiziano (Ansa)
Il pugnale di Tutankhamon non è egiziano (Ansa)
Pompei, Guerra di Troia: uno dei nuovi affreschi scoperti (Ansa)
Pompei, Guerra di Troia: uno dei nuovi affreschi scoperti (Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...