Tiscali.it
SEGUICI

Navicella nuragica ritrovata nel Trasimeno: tra Umbria e Sardegna il legame risale a un periodo remoto

Per la prima volta potrà essere ammirata l'antica navicella di bronzo venuta alla luce nelle acque del lago nel 2007 in occasione dei dragaggi. Ma ci sono anche asce, pugnali, punte di lancia, bottoni e lingotti di rame. E poi quei 60 amuleti sardi

TiscaliNews   

Tra le due regioni un'amicizia antica, risalente probabilmente al periodo dei Popoli del mare e a quello dei nuraghi. Non deve assolutamente sorprendere, dunque, che ciò si celebri con una esposizione. "La Magia degli Amuleti. Umbria e Sardegna vicine o lontane? Collezionismo e archeologia": una mostra scenografica che racconta di contatti e scambi tra Sardegna e Umbria in epoche lontane e anche più vicine. E punta a creare un gemellaggio tra le due regioni nel segno del patrimonio storico archeologico. E' allestita nelle sale del centro Giovanni Lilliu, a Barumini, celebre peril suo sito archeologico Unesco Su Nuraxi.

A far idealmente da collante, un pezzo emblematico e inedito per la Sardegna: la navicella - nuragica - del Trasimeno, venuta alla luce nelle acque del lago nel 2007 in occasione dei dragaggi a San Feliciano di Magione (Perugia). Parte del patrimonio del museo archeologico nazionale dell'Umbria, ha attraversato il mare e ora potrà essere ammirata per la prima volta nell'Isola lungo il percorso espositivo, assieme ad altro materiale inedito per la Sardegna.

Alcuni dei reperti in esposizione (Ansa)

L'esposizione

L'esposizione permetterà infatti al pubblico di ammirare i materiali sardi custoditi nel Museo umbro che ha collaborato alla realizzazione della mostra ideata e organizzata dalla Fondazione Barumini guidata da Emanuele Lilliu in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti per la città metropolitana di Cagliari e Province di Oristano e Sud Sardegna.

Tre le sezioni, la prima è dedicata alle "relazioni fra Sardegna e Umbria al tempo dei nuraghi". In vetrina manufatti in bronzo come asce, pugnali, punte di lancia, navicelle, bottoni, lingotti di rame. La seconda è un viaggio nelle tradizioni popolari con i 60 amuleti sardi della collezione Giuseppe Bellucci, il grande studioso perugino appassionato di paleoetnologia e tradizioni popolari, scomparso nel 1921: un itinerario tra amuleti, oggetti terapeutici e strumenti magico-religiosi contro il fulmine e la grandine, rimedi contro il malocchio, oggetti legati ai momenti significativi della vita di donne, uomini, bambini e animali.

C'è poi lo spazio dedicato al carteggio tra Bellucci e il Canonico Spano, archeologo, linguista ed etnologo sardo. Un epistolario custodito in parte alla sovrintendenza umbra in parte alla Biblioteca Universitaria di Cagliari e che viene mostrato per la prima volta. La mostra è aperta fino al 20 giugno. "Poi l'auspicio è che possa proseguire il suo viaggio verso l' Umbria per rafforzare e consolidare i rapporti tra le due regioni", ha sottolineato il presidente della Fondazione Barumini Emanuele Lilliu.

Vedi anche

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (1 p)

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

TiscaliNews   
I più recenti
T Coronae Borealis brillerà di nuovo (Ansa)
T Coronae Borealis brillerà di nuovo (Ansa)
Su Nuraxi, pannelli fotovoltaici e in alto gli archeologi Zucca e Ugas (Foto Ansa)
Su Nuraxi, pannelli fotovoltaici e in alto gli archeologi Zucca e Ugas (Foto Ansa)
Il frammento su papiro (Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg / PD)
Il frammento su papiro (Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg / PD)
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...