Tiscali.it
SEGUICI

Verità storica a rischio. Scongiurato l'intervento sulla piramide: il comitato dice no

Esperti contro la reinstallazione sul monumento di Micerino dei blocchi di rivestimento in granito che giacciono a terra da millenni. “E’ importante mantenere lo stato della piramide senza alterazioni”. Sarebbe giusto invece liberare dalla sabbia la base originale del monumento

TiscaliNews   

Una squadra di archeologi egiziani e giapponesi voleva restaurare la più piccola delle piramidi di Giza, quella intitolata a Micerino, reinstallando nelle facciate esterne i blocchi di granito che da millenni giacciono disseminati alla base del monumento. Il comitato statale egiziano ha però respinto il progetto.

Il Comitato si è opposto all'unanimità alla reinstallazione dei blocchi di rivestimento in granito sostenendo l'importanza di mantenere lo stato attuale della piramide senza alterazioni, "dato il suo eccezionale valore universale ed archeologico". E’ scritto in un rapporto consegnato al ministro del Turismo e delle Antichità Ahmed Issa.

Vi si afferma che sarebbe impossibile accertare l'esatta posizione originale di uno qualsiasi dei blocchi. "Di conseguenza - sostiene il rapporto - qualsiasi reinstallazione dei blocchi di granito cambierebbe l'antico tessuto originale e l'aspetto della piramide, nascondendo importanti prove di come gli antichi progettavano e costruivano le piramidi".

Forse la cosa più giusta sarebbe riportare alla luce la base della piramide ancora ricoperta dalla sabbia ma senza effettuare restauri azzardati che potrebbero risultare deleteri per l'antico monumento.

Il ministero aveva inizialmente approvato alcune ricerche sul posto, ma ha bloccato i lavori, consentendo agli archeologi di proseguire con alcuni rilievi non invasivi.

In Egitto il progetto aveva suscitato scalpore e polemiche, anche in relazione all'alto costo, in un momento di grave crisi economica del Paese.

Video

La piramide di Micerino, grande un decimo di quella di Cheope, risalirebbe secondo la versione ufficiale al 2.510 avanti Cristo. In origine avrebbe dovuto essere tutta ricoperta di granito rosso di Assuan ma la prematura morte di Micerino la fece frettolosamente terminare con il bianco calcare di Tura. Il lato nord conserva parte del rivestimento, che però non risulta liscio dando l'impressione di un lavoro non terminato. Vi è anche un'ampia breccia, dovuta al figlio di Saladino che l'aprì nel 1196 per cercare l'aureo corredo funerario del sovrano Micerino. Fu edificata in più riprese, materiali vari e varie tecniche, rappresentando nelle sue irregolarità un esempio unico nel suo genere.

TiscaliNews   
I più recenti
Spiaggia di Ercolano: scheletri dei fuggiaschi (Ansa)
Spiaggia di Ercolano: scheletri dei fuggiaschi (Ansa)
Evelina Christillin e, in alto, Hawass (Ansa)
Evelina Christillin e, in alto, Hawass (Ansa)
Una delle mummie considerate extraterrestri (Ansa)
Una delle mummie considerate extraterrestri (Ansa)
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...