Tiscali.it
SEGUICI

Perché uomini e donne del neolitico usavano i piercing: lo rivelano le tombe di Boncuklu Tarla

Gli studiosi hanno portato alla luce monili che denotano la perforazione delle orecchie e del labbro in scheletri di oltre 11mila anni a  Boncuklu Tarla. Forse si trattava di un rituale di passaggio alla età adulta

TiscaliNews   

A quando risalgono i primi piercing della storia? Una risposta potrebbe provenire dal sito archeologico di Boncuklu Tarla, nel sud-est della Turchia, dove gli studiosi hanno individuato le prove più antiche conosciute di perforazione di parti del corpo in scheletri risalenti a ben 11mila anni fa.

Visto che la pratica riguarda solo individui adulti, si è dedotto che potesse essere legata a un rito di passaggio all’età matura. In ogni caso, quanto portato alla luce dagli archeologi, getta nuova luce sul ricorso a modificazioni corporee nelle prime comunità sedentarie.

Ma cosa è stato trovato, più precisamente?

La squadra dell’Università di Ankara ha recuperato, tra il 2012 e il 2017, più di 100 ornamenti da tombe risalenti ad almeno 11mila anni fa.

Tali ornamenti - realizzati prevalentemente in pietra calcarea, ossidiana, clorite, rame o ciottoli di fiume - sono stati trovati accanto alle orecchie e al mento degli scheletri e il tutto fa pensare che fossero concepiti per i piercing all’orecchio e al labbro inferiore (labret).

Video

L'usura sugli incisivi

Non per nulla l’analisi dei resti scheletrici ha evidenziato molti casi di usura sugli incisivi inferiori, come accade a seguito dell’utilizzo di labret in varie culture passate ed attuali.

I piercing, tra i componenti del gruppo di Boncuklu Tarla, erano utilizzati sia tra gli uomini che fra le donne. Tuttavia solo da individui adulti, come si diceva in precedenza. Non è stata trovata infatti alcuna testimonianza di utilizzo di ornamenti simili nelle sepolture dei bambini.

L'importanza del ritrovamento

La docente di Preistoria all'Università di Ankara, Emma Louise Baysal, una delle maggiori esperte di ornamenti personali neolitici, ha sottolineato come il ritrovamento fatto in quel sito costituisca la prima prova di perforazione del tessuto corporeo nel Sud-Ovest asiatico. Inoltre, ciò mette in discussione le narrazioni precedenti che collocavano le prime pratiche di perforazione del corpo intorno alla metà del settimo millennio a.C.

Gli esempi dell'Asia sud occidentale

Gli ornamenti alle orecchie e al labbro risultano ampiamente utilizzati nell’Asia sud-occidentale nel periodo neolitico. Esempi di questa abitudine sono stati accertati nell’Anatolia occidentale e nell’Egeo ma nessuna evidenza è stata individuata - almeno per ora - nelle regioni neolitiche dell'Anatolia centrale.
 
L’equipe di ricercatori guidati dalla professoressa Baysal ritiene che questa scoperta aiuterà a chiarire i significati e lo scopo che circonda questi manufatti e aprirà la strada a una rivalutazione dei dati neolitici esistenti in quella zona del Sud-ovest asiatico.

Video

Pratiche molto più antiche di quanto si pensava

“Ciò dimostra che le usanze, diffuse ancora al giorno d’oggi, erano già sviluppate nel periodo importante di transizione in cui le persone iniziarono a stabilirsi in villaggi stanziali nell’Asia occidentale più di 10.000 anni fa”, ha spiegato la professoressa Baysal.
 
Quelle popolazioni "avevano pratiche di ornamentazione molto complesse che coinvolgevano perline, braccialetti e pendenti”. Con ciò esse esprimevano “un mondo simbolico molto sviluppato".
 
Per cercare di avere più informazioni gli archeologi continuano i loro scavi a Boncuklu Tarla. I risultati attuali sono stati pubblicati sulla rivista Antiquity.

Per il resto bisognerà aspettare gli sviluppi delle ulteriori ricerche sul sito.

 

VEDI ANCHE

Chi ha fatto il pugnale di Tutankhamon? E' di origine extraterrestre. Lo conferma uno studio scientifico

I misteri della Piramide, Malanga: “Altro che cunicolo, noi abbiamo rilevato enigmatiche e gigantesche strutture”

Gli elmi cornuti trovati in Danimarca non sono vichinghi, appartengono agli antichi shardana

Perchè Hitler voleva il Santo Graal e la lancia di Longino: da Agarthi ai misteri del Tibet, la caccia esoterica dei nazisti

Quei monili sembrano proprio aerei: come facevano gli antichi precolombiani a conoscerli due millenni fa?

Scavando trovano una vampira nella tomba: la prova dell'esorcismo nella bocca. Ricostruito il volto

Dentro la roccia di milioni di anni un martello: eppure a quell’epoca l’uomo non esisteva ancora. Un vero enigma

La misteriosa mappa di Piri Reis con l’Antartide prima che fosse coperta dai ghiacci. Copiata da carte prediluviane?

Mar Nero, scoperti i relitti di 60 antiche navi: una è la più antica del mondo. Alcune hanno forme sconosciute

Nel canale uterino e nel torace le prove di un orribile parto: studiosi scioccati dopo l'analisi della mummia

I Neanderthal si baciavano (e non solo) con i Sapiens e sapevano curarsi con medicine naturali

Cosa ci fa un monolito con iscrizioni sumere in Sud America? Per gli archeologi ufficiali è difficile spiegarlo

Nell’Oceano un galeone col più grande tesoro della storia: bauli di monete, oro e smeraldi. Chi se lo contende

Antiche piramidi al largo di Cuba: da far riscrivere la storia, fu clamore mondiale. Eppure non se ne parla più

Gunung Padang sconcerta gli archeologi, scoperta la più antica piramide del mondo: è dell’era glaciale

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 

TiscaliNews   

I più recenti

Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...