I nuragici e l’archeoastronomia: ecco come gli antichi sardi misuravano tempo e spazio

In Sardegna importanti testimonianze: un interessante convegno a Sassari. Da Serra Orrios a S'arcu 'e is forros : ci sarebbe una relazione con i cicli solari che guidano le stagioni e in particolare con i solstizi

TiscaliNews

Ci sarebbe un legame astrale che collega fra loro le strutture nuragiche della Sardegna, una relazione con i cicli solari che guidano le stagioni.

Questa teoria e i suoi sviluppi recenti sono stati al centro dell'undicesimo Convegno di archeoastronomia "La misura del tempo", che si è tenuto a Sassari, nella sede della Fondazione di Sardegna, organizzato dalla Società Astronomica Turritana e dal Circolo Aristeo.

Il tempietto di Malchittu

Secondo quando spiegato da Michele Forteleoni della SAT e Simonetta Castia (Aristeo), gli antichi consideravano il Sole e gli astri per orientarsi nello spazio e nel tempo e in Sardegna sono presenti importanti testimonianze di questo tipo: tra queste il tempietto di Malchittu, in Gallura, particolarmente interessante perché costruito in una zona impervia, insolitamente elevata e isolata.

La corrispondenza ai solstizi

Questo edificio sacro è costruito lungo l'asse nord ovest/sud est e con ingresso orientato esattamente all'alba del solstizio d'inverno. Allineato verso il sorgere della stella Sirio è, invece, il tempio di Sa Carcaredda, in Ogliastra. Altrettanto importante è il legame astronomico che parrebbe unire alcuni templi nuragici edificati presso i complessi archeologici di Serra Orrios (Dorgali), Romanzesu (Bitti), S'arcu 'e is forros (Villagrande Strisaili) e che si ripete anche nel complesso archeologico di Oes, a Torralba.

Secondo i rilevamenti effettuati, tra il tempietto 2 di Oes e le vicine aree del nuraghe Oes e di Paule s'ittiri gli orientamenti reciproci corrispondono rispettivamente ai solstizi d'inverno e d'estate.