Tiscali.it
SEGUICI

Cosa ci fa un monolito con iscrizioni sumere in Sud America? Per gli archeologi ufficiali è difficile spiegarlo

L’enigmatico monolito di Pokotia venne trovato a qualche chilometro dalla città di Tiwanaku in Bolivia. Presenta una scrittura ritenuta proto-sumero-pittografica. Per l’archeologo Arthur Posnaski potrebbe risalire al 14.000 a.C.

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   

Ci sono fatti, avvenimenti o reperti che risultano difficilmente spiegabili con i parametri della archeologia ufficiale. Per esempio il caso seguente. Stavolta parliamo di un misterioso monolito, quello di Pokotia. La pietra scolpita con una figura antropomorfa venne rinvenuta negli anni sessanta a qualche chilometro dalla incredibile città di Tiwanaku in Bolivia. Il blocco litico è alto circa un metro e settanta e presenta delle iscrizioni pittografiche insolite sia nella parte frontale che in quella posteriore.

Gli studiosi che lo hanno analizzato anche di recente - cosa sorprendente - ritengono si tratti di una scrittura proto-sumerica e che la scultura possa raffigurare un antichissimo antenato eroe o una importante divinità.

Va detto inoltre che quello in questione sembra assomigliare molto al monolite di Ponce, quello di Tiahuanaco, del quale probabilmente rappresenta una versione primitiva. Ci sarebbero per altro similitudini con l'altrettanto sconvolgente recipiente denominato Fuente Magna.

Video

I segni di scrittura, ritenuta proto-sumero-pittografica, appaiono in effetti simili a quelli della nota scodella cerimoniale decorata con incisioni cuneiformi, simili ai simboli dell'impero sumerico o protosumerico, ritrovata nei pressi del lago Titicaca. Un altro oggetto che non manca di sconcertare gli studiosi tradizionali.

La questione in definitiva resta una: cosa ci fanno dei reperti con iscrizioni sumere in Sud America?

Video

O più precisamente, chi può essere stato a incidere nella scodella o nella scultura di pietra ritrovata in Bolivia delle iscrizioni proto-sumeriche?

Restando al monolite va detto che la sua datazione non è certa, come accade sempre quando ci si trova di fronte a reperti litici. Tuttavia l’archeologo boliviano Arthur Posnaski, in base a proprie valutazioni e analisi, ritiene che questo potrebbe risalire addirittura al 14.000 a.C. 

L'inquietante pietra di Pokotia resta in definitiva un enigma, perché non si riesce a spiegare come i segni inequivocabili della cultura sumerica possano essere stati trovati a tali latitudini, in terra boliviana. Che giustificazione plausibile si può dare?

Il misterioso monolito trovato in Bolivia

Alcuni studiosi hanno abbozzato delle spiegazioni, in verità non sempre solide. In certi casi ipotizzando che i sumeri potrebbero aver circumnavigato l’Africa, sbarcando poi sulla costa brasiliana alla ricerca di minerali preziosi, e fermandosi alla fine nei territori sudamericani. In altri casi azzardando che i sumeri sarebbero originari della foresta amazzonica e solo successivamente sarebbero salpati alla volta di altre terre. Ma, com'è intuibile, non v’è prova di queste asserzioni.

E' invece certo che il monolito di Pokotia pone seri problemi alle teorizzazioni dell’archeologia ufficiale che non ammette che gli esseri umani di quel periodo potessero fare viaggi, per di più in mare, di tale portata.

Il grande punto interrogativo però resta ed è inevitabile porsi una domanda: e se la storia dell’uomo fosse molto più antica, complessa e differente di quanto ci hanno abituati finora a ritenere?

 

Guarda anche 

Gunung Padang sconcerta gli archeologi, scoperta la più antica piramide del mondo: è dell’era glaciale

Vimana: macchine volanti sulla terra migliaia di anni fa. Antichissimi testi lo rivelano 

Nell’Oceano un galeone col più grande tesoro della storia: bauli di monete, oro e smeraldi. Chi se lo contende

I misteri della Piramide, Malanga: “Altro che cunicolo, noi abbiamo rilevato enigmatiche e gigantesche strutture”

Colossale struttura scoperta in Egitto: forse è il mitico labirinto di Meride con migliaia di stanze piene di geroglifici

I vasi in diorite impossibili da realizzare anche ai nostri giorni: chi li fece millenni fa in Egitto?

Trismegisto e il segreto delle Tavole di smeraldo: dagli egizi agli alchimisti sulle tracce di una conoscenza antica

Scheletri radioattivi e rocce vetrificate: un'esplosione nucleare migliaia di anni fa? L’enigmatico sito di Mohenjo-Daro

La tomba della bella vergine dei ghiacci: il giorno in cui si scatenò la maledizione

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

"I terribili shardana che dominarono il Mediterraneo con altri Popoli del mare erano i sardi: ecco le prove" (1^ parte)

"I terribili shardana che dominarono il Mediterraneo con altri Popoli del mare erano i sardi: ecco le prove" (2^ parte)

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (1 p)

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 Giganti di Mont'e Prama: dal ritrovamento a cosa c'è ancora sotto l'enigmatico sito. Parla Gaetano Ranieri

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati”

 

Ignazio Dessi'di Ignazio Dessi'   

I più recenti

Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Prezioso lotto di monete antiche restituito all'Italia dall'Argentina (Ansa)
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine
Puma Punku a Tiahuanaco, alcune delle rovine

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...