Tiscali.it
SEGUICI

Santa Vittoria di Serri, un modellino di torre nella capanna del capo: si riscrive la storia sull'area nuragica

Di ottima fattura e dalla singolare forma, ha fini decorazioni a zig-zag, a bande oblique. "Recuperati reperti importanti per la comprensione delle pratiche religiose e la simbologia propria della cultura nuragica"

TiscaliNews   

Un modellino nuragico che riproduce una torre. Un pezzo unico, ritrovato nel 2022 e ora restaurato e mostrato in tutta la sua bellezza. È il reperto più importante di una serie di rinvenimenti venuti alla luce grazie al lavoro di restauro del Tempio in Antis, noto come Capanna del Capo, e valorizzazione dell'area archeologica di Santa Vittoria a Serri, nel Sarcidano, in Sardegna.

La torre restaurata

Di ottima fattura e dalla singolare forma, ha fini decorazioni a zig-zag, a bande oblique. "Un pezzo di pregio a dimostrazione anche dello sviluppato gusto estetico e moderno della civiltà nuragica", ha sottolineato Gianfranca Salis, funzionaria archeologa e direttrice scientifica degli interventi portati avanti dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna. "I lavori hanno consentito di ridefinire la pianta, sembrava un tempio isolato, si trova invece in un contesto di capanne. Gli interventi hanno restituito reperti importanti anche per la comprensione delle pratiche religiose e la simbologia propria della cultura nuragica", ha aggiunto Salis.

Video

Si cercano altri pezzi

"Abbiamo condiviso con la comunità la scoperta di nuove strutture e reperti che hanno permesso di scrivere nuove pagine di storia sulla civiltà nuragica del nostro territorio e della Sardegna", ha sottolineato il sindaco di Serri, Samuele Antonio Gaviano. Chiara Pilo, funzionaria archeologa direttrice scientifica dei lavori, ha evidenziato che "i cittadini e le cittadine hanno risposto con un' attenta partecipazione e consapevolezza della ricchezza del patrimonio archeologico". Per Georgia Toreno, funzionaria restauratrice della sovrintendenza "la speranza è che ora possano venire alla luce altri pezzi, altri frammenti da aggiungere a quello già trovato".

Dell'importanza dell'accessibilità oltre che della tutela anche dal punto di vista paesaggistico dei siti archeologici ha parlato Ilaria Portas, assessora regionale ai beni culturali.

L'area sarà resa più fruibile

Federico Porcedda, archeologo e vice sindaco di Serri ha annunciato che grazie a un progetto finanziato con i fondi del Pnrr "l'area archeologica di Santa Vittoria sarà resa accessibile con l'abbattimento delle barriere architettoniche e resa fruibile anche grazie alla digitalizzazione dei reperti, all'implemento della comunicazione e divulgazione per permettere una maggiore comprensione di questo sito pluristratificato con frequentazioni che vanno dalle prime fasi dell' età del bronzo".

Vedi anche

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 

TiscaliNews   
I più recenti
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Cipro, scoperto un tempio di 4mila anni (Ansa)
Cipro, scoperto un tempio di 4mila anni (Ansa)
Amore eterno per gli Happy Days: torna Summer Jamboree. C'è pure l'arte di spogliarsi
Amore eterno per gli Happy Days: torna Summer Jamboree. C'è pure l'arte di spogliarsi
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...