Tiscali.it
SEGUICI

La "Deposizione di Cristo" di Jacopo Tintoretto da Venezia ai Capitolini

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Roma, 7 set. (askanews) - Dalle Gallerie dell'Accademia di Venezia a Roma, ai Musei Capitolini, per la prima volta in un museo pubblico della Capitale arriva un dipinto di Jacopo Robusti, detto Tintoretto, pittore tra i massimi esponenti del Rinascimento veneziano. La sua "Deposizione di Cristo" è esposta nella Pinacoteca Capitolina fino al 3 dicembre 2023 grazie a un accordo di collaborazione con il museo veneziano a cui è stato prestato il "Battesimo di Cristo" di Tiziano.Per il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali, Claudio Parisi Presicce l'arrivo dell'opera è anche un'occasione per scoprire un linguaggio figurativo assente nelle collezioni di Roma. "Mancava a Roma un dipinto di questo capostipite di una famiglia che ha prodotto tantissimi dipinti; è un dipinto particolarmente prezioso, perché Tintoretto nella maturità recepisce la capacità figurativa di tradizione michelangiolesca e la capacità coloristica di Tiziano e nella sintesi affronta un linguaggio del tutto nuovo, che poi erediterà suo figlio Domenico".

L'opera, spiega la curatrice, Federica Papi, è stata realizzata nella maturità di Jacopo Tintoretto, nel 1560/2. Raffigura il momento in cui il corpo di Cristo senza vita viene rimosso dalla croce, mentre Maria sviene tra le braccia di una donna."È un'opera geniale, rompe gli schemi per una visione immaginaria di un soggetto non facile perché non narrato nei Vangeli e che lui interpreta con grandissima libertà: si tratta di una deposizione ma allo stesso tempo rappresenta un compianto, e gia l'unione di questi due soggetti è una grande novità iconografica".Il dipinto era nella Chiesa di Santa Maria dell'Umiltà a Venezia, demolita nel 1821, è stato confiscato dal demanio fino ad arrivare alle Gallerie dell'Accademia, accanto a capolavori di Tiziano e Bellini. Nella Pinacoteca capitolina è stato messo in risalto accanto ai dipinti del figlio Domenico Tintoretto, l'"Incoronazione di spine", il "Battesimo di Cristo", la "Maddalena penitente" e la "Flagellazione" al momento in prestito e ad altri maestri della scuola veneta.Domenico ereditò la bottega del padre e lavorò a stretto contatto con lui fin da giovane. "Abbiamo voluto far rincontrare Jacopo con il figlio in una situazione romana che non hanno mai vissuto". .

di Askanews   

I più recenti

Pesaro 2024: moneta celebrativa da 5 euro per Capitale Cultura
Pesaro 2024: moneta celebrativa da 5 euro per Capitale Cultura
Torino Comics festeggia 30 anni, al Lingotto dal 12 al 14 aprile
Torino Comics festeggia 30 anni, al Lingotto dal 12 al 14 aprile
A tutta arte, il Rinascimento di Harlem rivive a New York
A tutta arte, il Rinascimento di Harlem rivive a New York
Mostra di Roe Ethridge apre nuova Galleria corso Como 10
Mostra di Roe Ethridge apre nuova Galleria corso Como 10

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...