Hemingway, il lato gender fluid, le sperimentazioni sessuali, i traumi: la personalità del premio Nobel in TV

Un nuovo documentario a puntate e una miniserie raccontano l'incredibile figura di uno dei simboli della letteratura mondiale del Novecento

di Tiscali News

La personalità extralarge di Ernest Hemingway arriva in tv con un nuovo documentario a puntate e una miniserie: Ken Burns, il celebre cineasta che ha gia' puntato i riflettori sulla Guerra Civile e quella del Vietnam, e la sua collaboratrice storica Lynn Novik esplorano da lunedì 5 aprile le molte anime dello scrittore, incluse le sperimentazioni sessuali che suggeriscono un lato "gender fluid".

Mariel Hemingway

Nel mentre Mariel Hemingway, la nipote, si accinge a produrre con Mark Medavoy e Sam Solokov una serie limitata che cerca di gettar luce sul trauma psicologico inesplorato che perseguitò "Papa" per anni fino al suicidio del 1961. "Per descrivere il vero carattere di mio nonno bisogna andar oltre gli stereotipi della mascolinità personificata. Lui capiva che dentro di lui c'era un lato delicato di cui si vergognava e che lo spingeva ad agire da bullo per mascherare il suo conflitto interno", ha detto la Hemingway a "The Wrap". Mentre Medovoy ha sottolineato l'unicità dello scrittore: "Genio, soldato, spia, rivoluzionario e uno degli autori piu' sensibili del tempo. Premio Nobel e Premio Pulitzer, decorato per il coraggio in due guerre mondiale e sopravvissuto a due disastri aerei in un giorno solo, Hemingway fu il piu' famoso scrittore e giornalista del mondo in un 'epoca in cui la gente si intratteneva leggendo libri e si informava sui giornali".

Il documentario di Burns - tre puntate frutto di altrettanti anni di lavoro - si avvale di collaboratori eccellenti: Peter Coyote e' il narratore, mentre Keri Russell, Meryl Streep, Patricia Clarkson e Mary-Louise Parker danno voce alle quattro mogli dello scrittore: Hadley Richardson, Pauline Pfeiffer, Martha Gellhorn e Mary Welsh.

Al "revival" di Hemingway si aggiunge Across the River and Into the Trees, il film tratto dall'ultimo romanzo, le cui riprese sono appena finite in Veneto. Diretto dalla regista spagnola Paula Ortiz con protagonisti Liev Schreiber, Matilda De Angelis, Josh Hutcherson, Laura Morante, Sabrina Impacciatore e Massimo Popolizio, scritto da Peter Flannery, contiene nella storia, in parte autobiografica, ambientata in Italia durante la seconda guerra mondiale, tutti i grandi temi di Hemingway come l'amore, la guerra, la giovinezza e l'età.