Tiscali.it
SEGUICI

La sorte imprevedibile degli ultimi due giganti ritrovati a Mont'e Prama nel Sinis

Il laboratorio del Museo civico di Cabras apre al pubblico che potrà seguire in presa diretta la ricomposizione delle due statue: il pugilatore cosiddetto 'tipo Cavalupo' e l'arciere.

TiscaliNews   

Il restauro delle ultime due statue di Giganti ritrovate a Mont’e Prama diventerà un’attrazione in più per i visitatori del Museo civico di Cabras. Apre al pubblico, insomma, il laboratorio di restauro che diviene parte integrante del percorso per permettere ai visitatori in presa diretta di seguire la ricomposizione delle due statue: il pugilatore cosiddetto tipo Cavalupo e l'arciere.

Si adegua anche lo spazio espositivo

Due pannelli trasparenti sono stati collocati ai due ingressi della sala. I lavori di restauro delle sculture rinvenute nelle campagne di scavo 2014 e 2016 sono partiti il 13 marzo, progettati e diretti dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Città metropolitana di Cagliari e province di Oristano e Sud Sardegna. L'intervento è finanziato dal Ministero e ha il supporto della Fondazione Mont'e Prama guidata da Anthony Muroni.

Video

"Si tratta di una tappa importante - spiega la soprintendente Monica Stochino - del più articolato progetto che tende da un lato ad approfondire le indagini scientifiche, dall'altro attiva le prassi della conservazione materica e del restauro sul patrimonio più recentemente emerso dalle ricerche sul campo. La possibilità di integrare tale attività nell'ambito dell'esperienza di visita del Museo - sottolinea Stochino - rende disponibile alla fruizione pubblica una fase importante del processo che mette in luce il valore scientifico della statuaria di Mont'e Prama, garantisce e preserva la consistenza materica, evidenzia e comunica il valore testimoniale di questo patrimonio".

"Nell'anno del cinquantesimo anniversario dal ritrovamento dei primi reperti, oltre alla nuova esposizione temporanea di statue e modelli di nuraghe nella Sala del Paesaggio, il nostro Museo - dichiara Muroni - si arricchisce di un'altra importante attrazione come quella del laboratorio di restauro". I lavori si affiancano ai primi interventi già intrapresi nel laboratorio di restauro cagliaritano della Soprintendenza, in attesa dell'allestimento del nuovo laboratorio di Cabras, così come stabilito dall'accordo quadro firmato tra gli uffici periferici del Ministero e la Fondazione Mont'e Prama nella primavera del 2023.

Un accordo che disciplina, tra le altre cose, la tempistica e le modalità di catalogazione e trasferimento a Cabras dell'intero complesso statuario oggi nella disponibilità di Soprintendenza e Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, compresi i frammenti di Mont'e Prama custoditi al Centro di restauro di Li Punti.

Video

 

Vedi anche

Mont’e Prama, a caccia di giganti col georadar: le incredibili scoperte del professor Ranieri

Lo studioso mago del georadar: “Non solo Giganti, sotto Mont'e Prama c'è un mistero che va svelato”

Rilevazioni a Mont’e Prama: "In quel sito si trova un tesoro. Perché abbiamo criptato tutto e chi ha i dati” 

Da millenni svettano nei cieli sardi: chi li ha costruiti? Quando? Perché? Giovanni Ugas ci svela i segreti dei nuraghi (2 p)

Un nuraghe a Cagliari, Ugas: “Più grande di quello di Barumini. A che punto siamo e cosa c'è da fare ora”

Cronaca di una passeggiata con Giovanni Ugas sul sito del nuraghe di Monte Urpinu a Cagliari

“Ecco chi erano i Popoli del mare. Gli Shardana? Gli antichi sardi nuragici": il nuovo libro di Giovanni Ugas

“Gli Shardana e l’Egitto: da guardie scelte di Ramses II alla guerra contro Ramesse III": il nuovo libro di Giovanni Ugas

"I Popoli del mare e la guerra vittoriosa contro i grandi imperi. Una terra di Eroi e Giganti": il nuovo libro di Giovanni Ugas

La nuova rivoluzionaria tesi sul mistero di Atlantide, l’archeologo: “Ecco dove si trovava davvero e perché è scomparsa”

 

TiscaliNews   

I più recenti

La via lattea raffigurata dalla dea egizia Nut (Ansa)
La via lattea raffigurata dalla dea egizia Nut (Ansa)
Il pugnale di Tutankhamon non è egiziano (Ansa)
Il pugnale di Tutankhamon non è egiziano (Ansa)
Pompei, Guerra di Troia: uno dei nuovi affreschi scoperti (Ansa)
Pompei, Guerra di Troia: uno dei nuovi affreschi scoperti (Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...