Tiscali.it
SEGUICI

L'enigmatica Afrodite di Tusculum: candida, senza testa e d’incredibile finezza

La bellissima donna in marmo pregiato è a grandezza naturale, realizzata a tutto tondo, ma di lei sono andati persi il capo e parte degli arti superiori. Ciò che resta è però sbalorditivo per la finezza delle vesti e del seno

TiscaliNews   

L’Afrodite di Tusculum è considerata un vero enigma di difficilissima soluzione. La statua è stata scolpita in marmo pregiato, le linee sono sontuose e determinano una rara perfezione stilistica. L’epoca di realizzazione è sicuramente quella romana, ma essendo priva della testa non è semplice attribuirle una sicura identità.

Scoperta nel Parco archeologico di Tusculum (l'antica città latina che la leggenda vuole fondata dal figlio di Ulisse e della Maga Circe), a pochi chilometri da Roma, nell’estate dell’anno scorso è destinata probabilmente a conservare sempre una dose di mistero.

Tusculum (Ansa)

La figura femminile

Gli archeologi l’hanno portata alla luce, più precisamente, nell’area delle Terme Adrianee e subito hanno provato ad attribuire a quella figura femminile in candido marmo una identità. Hanno parlato di una ninfa, di una baccante o di una musa. Poi alcuni hanno provato ad accostarla ad altre statue “sorelle ed è emersa la convinzione che possa trattarsi di una raffigurazione di Afrodite. Sarebbe molto somigliante infatti all’Afrodite di Epidauro esposta nel Museo Nazionale di Atene.

La bellissima donna in marmo pregiato è a figura intera, a grandezza naturale, realizzata a tutto tondo, ma di lei sono andate perse la testa e parte degli arti superiori. Ma quello che resta è sbalorditivo per la finezza della fattura delle vesti e del seno che vi traspare dal tessuto bagnato, dei drappeggi, della fine abbottonatura sotto il chitone, della fattura della nebride, la pelle del cerbiatto che veniva indossata dai seguaci del culto dionisiaco. La campagna di scavo da cui è emerso il reperto è stata condotta nell'ambito del progetto Tuscolo Eterna Bellezz@, nato in seguito alle ricerche archeologiche avviate dalla Scuola spagnola di Storia e Archeologia di Roma (EEHAR-CSIC) che hanno consentito di riportare alla luce i resti monumentali di un complesso termale di epoca adrianea.

Afrodite di Tusculum (Ansa)

Documento archeologico unico

La statua femminile realizzata in un blocco unico di marmo è documento archeologico unico in quanto è il primo proveniente dagli scavi in questo sito in cui è stato possibile risalire al contesto, una sala termale sepolta sotto una serie di strati di epoca medievale, scampata agli scavi massicci realizzati nell'800 che ci hanno lasciato solo reperti "muti". Ma "questo ritrovamento è un enigma perché abbiamo delle parti mancanti che sarebbero state fondamentali per decifrarne l'iconografia, l'appartenenza ad una immagine specifica.

Afrodite di Tusculum (Ansa)

Musa, baccante o ninfa

L'assenza della testa e delle braccia, i cui attributi potevano darci altre piste di indagini e di analisi, non ci aiuta. Però il modello è quello chiarissimo dell'Afrodite di Epidauro, anche se con un attributo diverso che è quello della nebride agganciata sulla spalla e pendente sul petto: una testa di cerbiatto che ci rimanda al contesto dionisiaco e quindi ad una figura legata al corteggio del dio" spiega all'Ansa il direttore della Scuola Spagnola di Storia e Archeologia di Roma, Antonio Pizzo. "Questo attributo dionisiaco sposta l'interpretazione verso tre soluzioni: una menade, una baccante, però non in movimento rispetto al solito, una musa o una ninfa. La differenza è fondamentale anche per capire cosa c'era dal punto di vista della decorazione scultorea che è all'interno di tutte le terme".

L'Afrodite

D'altra parte, la statua rinvenuta a Tusculum arricchisce un ristretto panorama di sculture considerate repliche del modello legato all'Afrodite di Epidauro: ne esistono solo altre cinque copie, ricorda Pizzo, conservate ad Atene, a Monaco, a Genova, a Firenze e a Roma. Ora, il prossimo passo per sciogliere l'enigma dovrà essere quello di coinvolgere altri studiosi ed effettuare anche analisi archeometriche soprattutto sul marmo per decifrarne l'origine. Il sospetto, in attesa dei riscontri, è che possa trattarsi di marmo pario, il pregiatissimo marmo bianco proveniente dall'isola di Paro. Un marmo che ha reso possibile rendere in modo estremamente realistico il peso delle pieghe della veste sul piede nudo della statua, l'effetto della veste che scivola dalla spalla destra sul braccio lasciando scoperto il seno e dall'altro lato l'allacciatura al braccio grazie ad una serie di piccoli, precisissimi, bottoni. E ancora la nebride, la pelle di cerbiatto, da cui pendono le piccole zampette dell'animale con le loro unghie: tutti dettagli esecutivi che donano all'insieme una sbalorditiva eleganza.

TiscaliNews   
I più recenti
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Cipro, scoperto un tempio di 4mila anni (Ansa)
Cipro, scoperto un tempio di 4mila anni (Ansa)
Amore eterno per gli Happy Days: torna Summer Jamboree. C'è pure l'arte di spogliarsi
Amore eterno per gli Happy Days: torna Summer Jamboree. C'è pure l'arte di spogliarsi
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...