Tiscali.it
SEGUICI

“Troppo nudo”, “Poco mascolino”: il quadro del Cristo fa polemica e divide la Spagna

Lo ha dipinto Salustiano García per la Settimana Santa e ha suscitato le ire dei più conservatori. I più conservatori che invece leggono nei tratti del Cristo un'eccessiva femminizzazione

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   
“Troppo nudo”, “Poco mascolino”: il quadro del Cristo fa polemica e divide la Spagna

“Troppo nudo”, “Poco mascolino”, “Troppo femminile”, “Poco classico”. Questi alcuni dei commenti che animano la polemica in corso a Siviglia in occasione dell’uscita del manifesto per la Settimana Santa.

Un momento che dovrebbe unire i fedeli si è trasformato invece in un acceso dibattito tra chi vorrebbe una chiesa più lungimirante e aperta, in linea anche con le ultime affermazioni fatte da Papa Francesco, e chi invece pretende di applicare il rigore della tradizione.

Quel nudo che spaventa

Salustiano García, autore del quadro al centro del dibattito, si è detto stupito davanti alla critica di nudità eccessiva del Cristo poiché nella storia dell’arte spesso il messia è vestito solamente del panno bianco intorno alla vita. Oltre tutto, sia nella rappresentazione del martirio, nella pietà e nella resurrezione gli abiti sono sempre ridotti al minimo, per porre l’accento sulla sofferenza del corpo e per rappresentare il Salvatore che si è fatto uomo e che quindi, come ogni uomo, ha un corpo fisico che soffre.

Simboli antichi

L’artista ha anche dichiarato di aver tenuto in grande conto la tradizione, infatti nell'opera questa sua adesione nella scelta di inserire un simbolo che compare intorno alla testa del Cristo. Non si tratta di una semplice aureola o nimbo ma di un motivo molto particolare che appartiene alla Confraternita dell’Amore, tre le più antiche di Siviglia e che vuole, appunto, essere un omaggio alle origini del rito.

La polemica

Non la pensano così i più conservatori che invece leggono nei tratti del Cristo un'eccessiva femminizzazione, irritati al punto da lanciare una petizione perchè  il quadro sia rimosso dai manifesti dell’evento. Di parere totalmente opposto gli attivisti dei gruppi LGBTQ+ che trovano in questa scelta d’immagine la metafora di una maggiore inclusione.

"A pensarci bene questa notizia dovrebbe riguardare esclusivamente le persone religiose - ci ha detto Carlo Cotza, attivista per i diritti LGBTQIA+ dell'Associazione Arc di Cagliari - trattandosi della réclame della settimana santa. Tuttavia già il solo parlare di pubblicità su manifestazioni religiose fa capire quanto spesso lo Spirito Santo sia in mano alle regole del mercato, del profitto e quindi del turismo. Se è così mi rallegro che un Cristo un po' meno vestito del solito (perché comunque, sulla croce, l'abbiamo sempre visto piuttosto spogliato, non certo col maglione a collo alto) possa aiutare ad abbattere qualche tabù su quello che è, in fondo in fondo , l'oggetto migliore del creato: perché coprirlo?"

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   

I più recenti

I nazisti cercarono le reliquie sacre più preziose
I nazisti cercarono le reliquie sacre più preziose
Un grande piano di restauro per la fortezza del feroce Saladino: molti milioni per la Cittadella del Cairo
Un grande piano di restauro per la fortezza del feroce Saladino: molti milioni per la Cittadella del Cairo
Cristina Comencini porta al cinema una storia d'amore. Il treno dei bambini del Sud e le donne che ricostruirono il paese
Cristina Comencini porta al cinema una storia d'amore. Il treno dei bambini del Sud e le donne che ricostruirono il paese
Il bimbo di Jago esposto a Palermo (Ansa)
Il bimbo di Jago esposto a Palermo (Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...