Tiscali.it
SEGUICI

Nosferatu, il principe delle tenebre festeggia 100 anni tra maledizioni e morsi sensuali

Il mito del vampiro immortale accusato di plagio all'ombra del nazismo

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   

Nosferatu festeggia i suoi 100 anni nel cinema e nel nostro immaginario. Il non morto appare sul grande schermo nel 1922 a Berlino, in un film dal titolo “Nosferatu, eine Symphonie des Grauens” (dal tedesco: una sinfonia dell’orrore) e porta la firma di Friedrich Wilhelm Murnau. A interpretare il vampiro è Max Schreck. Liberamente ispirato al romanzo di Bram Stoker “Dracula” uscì per la Prana-Film, una piccola casa di produzione cinematografica fondata nel 1921 da Enrico Dieckmann e dall'occultista-artista Albin Grau con l’intento di promuovere pellicole a tema soprannaturale.

Orrore e battaglie legali

In piena epoca di Weimar il fascino per le tematiche dell’orrore tipiche delle fiabe e delle tradizioni del nord Europa poterono trovare una valvola di sfogo e turbare le notti di tante persone grazie al cinema. I cambiamenti operati da Murnau sul “Dracula” tuttavia non gli risparmiarono l’accusa di plagio da parte degli eredi di Stoker. Come se questo non bastasse tanta critica vide in questo film così cupo l’ombra del nazismo che di lì a poco avrebbe sconvolto il mondo intero.

Un incubo che si rinnova

Se il primo Nosferatu risentì del peso della storia, il secondo film “Nosferatu, il principe della notte”, diretto da Werner Herzog nel 1979, ebbe uno straordinario successo. L’interpretazione del vampiro fu affidata a un nervoso e ferino Klaus Kinski che incarnò magistralmente il non morto. Con lui anche Isabelle Adjani nel ruolo della pallida e innocente vittima sacrificale Mina e Bruno Ganz, nel ruolo di Jonathan Harker. I nomi originali del romanzo di Stoker furono ripristinati, con qualche leggera modifica, senza più conseguenze legali dato che i diritti ‘autore erano decaduti.

Un mito nell’ombra

Ciò che non era decaduta era la forza con cui una figura così violenta, ambigua, sanguinaria, riuscì a imporsi nell’immaginario collettivo portando con sé anche una vena di velato e casto erotismo ma anche di compassione. Se la sete insaziabile di sangue del vampiro risponde alla legge di natura cui deve obbedire, ciò che emerge dalla narrazione filmica è una sorta di pietà per una creatura che si considera infelice. Il morso sensuale, paragonato al piacere carnale, che il vampiro infligge è marchio indelebile ma anche prova della sua dipendenza. Carnefice e vittima sono legati per l’eterno.

Ai giorni nostri

Nel 2000 l’immagine del principe delle tenebre si rinnova ancora una volta nella pellicola diretta da E. Elias Merhige, che racconta la storia della troupe di Murnau durante le riprese del primo Nosferatu. Il regista è interpretato da John Malkovic e Max Schreck da Willem Dafoe. Nonostante le licenze poetiche in seno alla sceneggiatura l’omaggio al cinema tedesco, così come lo aveva inteso anche Herzog, è sincero e la trama, apparentemente semplice ma molto elaborata, è assolutamente originale.

Il primo secolo è trascorso, ma si sa, i vampiri sono eterni. Nuove opere cinematografiche, letterarie e musicali che hanno permesso al mito del morto che vive di viaggiare incolume nel tempo fino a noi, gli consentiranno di proiettarsi verso un infinito futuro.

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   

I più recenti

Le armi segrete della Guerra. Come cannone solare e magnetron diventarono stazione spaziale e microonde
Le armi segrete della Guerra. Come cannone solare e magnetron diventarono stazione spaziale e microonde
Frisso ed Elle, l'ultimo affresco scoperto a Pompei (Ansa)
Frisso ed Elle, l'ultimo affresco scoperto a Pompei (Ansa)
Allarme Unesco: salvare la lingua madre (Ansa)
Allarme Unesco: salvare la lingua madre (Ansa)
Pompei ieri e oggi, un viaggio nella storia (Ansa)
Pompei ieri e oggi, un viaggio nella storia (Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...