Tiscali.it
SEGUICI

Pompei, un tesoro senza fine. Nella puntata speciale di Alberto Angela le Meraviglie sono rivelate

Il divulgatore più amato d’Italia ci porta a passeggiare nel tempo. Tra i siti più visitati al mondo Pompei non ha mai smesso di regalare sorprese agli addetti ai lavori e al pubblico

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   
Pompei, un tesoro senza fine. Nella puntata speciale di Alberto Angela le Meraviglie sono rivelate

Era dedicato a Pompei lo “Speciale Meraviglie” di Alberto Angela andato in onda ieri su RAI 1. Dopo anni di scavi, restauri e nuove scoperte, la cittadina campana continua a conquistare le prime pagine dei giornali e a far parlare di sé, confermando la sua meritata fama.

Tra i siti più visitati al mondo Pompei non ha mai smesso di regalare sorprese agli addetti ai lavori e al pubblico che affolla le strade e le sale di quella che forse è la città antica più famosa al mondo. La fine della sua gloria terrena, e la tragica morte dei suoi abitanti, avvenuta nel 79 d. C. a causa di una devastante eruzione del Vesuvio, la hanno però consegnata alla sfera del mito, aumentandone il fascino a dismisura.

Colori, rumori e storie abitano le mura degli edifici prima scavati e poi riconsegnati al mondo grazie alla perizia e alla cura di archeologi e restauratori. Ed è grazie all’estrema cura con cui è gestito il parco archeologico che lo “Speciale Meraviglie” di Alberto Angela ha potuto offrire al pubblico una passeggiata virtuale e immersiva nei vicoli e nelle strade di Pompei.

Utilizzando per le riprese la tecnica del piano sequenza gli spettatori hanno potuto camminare al fianco di Alberto Angela, tra i divulgatori culturali più amati, e al direttore del parco Gabriel Zuchtriegel, e vivere in tempo reale l’esperienza di Pompei. Il percorso è iniziato dall’Odeion, il teatro più piccolo della cittadina campana, si è poi inoltrato nel dedalo di botteghe, locande e abitazioni private, ambienti termali e piazze. Facile immaginare una vita che non c’è più ma che si rinnova grazie al flusso costante di visitatori da ogni parte del globo.

In anteprima è stata mostrata anche l’Insula dei Casti Amanti, la più recente delle scoperte e interessata da un cantiere di scavo tuttora in corso. Oltre ad aver riportato alla luce altri corpi sepolti dalla cenere e dalla lava del vulcano, sono emersi anche i disegni realizzati da un bambino su una parete. Ma non è tutto. In questo speciale che merita ampiamente il nome Meraviglie è stato svelato per la prima volta un altro ambiente dipinto, e poi ancora la Casa del Larario, la Casa di Leda, la Casa degli Amorini e quella dei Vettii dalle superbe superfici interne affrescate.

Pompei è così, ti da una carezza e poi lo schiaffo. È il bellissimo e poi la morte. La nascita e la fine. È parlare di ‘loro’ e parlare di noi - ha detto Angela - ho voluto mostrarla come mai prima. Potevamo fare il solito montaggio di varie scene ma questa volta abbiamo voluto superarci: il programma è stato realizzato come se fosse una scena unica di quasi tre ore, senza tagli né stacchi, e come se la telecamera fosse i vostri occhi”.

Questa attenzione non è solo al fine di spettacolarizzare un sito già di per sé magnifico, mira anche a mostrare la fatica, l’impegno, la dedizione e il rigore scientifico con cui gli archeologi indagano, maneggiano e mostrano ambienti e reperti. “Volevamo mostrare non solo la bellezza, ma anche il lavoro – prosegue Alberto Angela - l’archeologia non è un bel vaso in vetrina ma anche tutto quello che accade prima”.

“È stata una gioia ma anche una sfida per noi del Parco Archeologico – ha detto Gabriel Zuchtriegel - Pompei è stata raccontata in mille modi, ma il vero obiettivo è quello di comunicare sempre meglio con la società".

E certamente questa grande cura e l’approfondimento di uno dei luoghi più affascinanti al mondo potrebbero essere forieri di maggiore consapevolezza di quanto la cultura e la bellezza possono fare per crescere sia personalmente che economicamente, investendo in un settore troppo a lungo trascurato e portandoci a riflettere su un passato così splendente da illuminare anche il nostro futuro

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   
I più recenti
T Coronae Borealis brillerà di nuovo (Ansa)
T Coronae Borealis brillerà di nuovo (Ansa)
Su Nuraxi, pannelli fotovoltaici e in alto gli archeologi Zucca e Ugas (Foto Ansa)
Su Nuraxi, pannelli fotovoltaici e in alto gli archeologi Zucca e Ugas (Foto Ansa)
Il frammento su papiro (Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg / PD)
Il frammento su papiro (Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg / PD)
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...