Tiscali.it
SEGUICI

Strega, serata finale in abito firmato: sarà sfida a tre. Conducono l'imprevedibile Geppi Cucciari e Pino Strabioli

Lo scontro dovrebbe essere tra la superfavorita Donatella Di Pietrantonio con L'età fragile, Dario Voltolini con Invernale e Chiara Valerio con Chi dice e chi tace. La diretta televisiva, dalle 23.00 su Rai3. "Non si capisce perché l'unica categoria che non dovrebbe vestire abiti firmati è quella degli scrittori"

di Tiscali Cultura/Mauretta Capuano per Ansa   
I finalisti del Premio Strega (Sito Strega)
I finalisti del Premio Strega (Sito Strega)

E' la giornata decisiva e le attese creano interesse sempre maggiore. Ultimi preparativi al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a Roma, per la serata finale del Premio Strega 2024 che per la prima volta avrà il palco più vicino alla platea anziché sotto la loggia dell'Ammannati dove di solito venivano ospitate le interviste ai finalisti. La sfida sarà a tre, tra la superfavorita Donatella Di Pietrantonio con L'età fragile (Einaudi), Dario Voltolini con Invernale (La nave di Teseo) e Chiara Valerio con Chi dice e chi tace (Sellerio).

All'ultimo voto

La competizione potrebbe essere all'ultimo voto tra la storia raccontata da Di Pietrantonio che scardina gli stereotipi sugli anni, sulla sicurezza dei piccoli luoghi di provincia, con sullo sfondo la pandemia e la rievocazione di un caso di violenza di genere accaduto nel 1997; il potente racconto degli ultimi anni di vita del padre, macellaio, ammalato di tumore, di Voltolini e la Lea di Chiara Valerio che ci porta a Scauri, suo paese d'origine e ci fa entrare nei sentimenti e pregiudizi e nell'assioma della inconoscibilità dell'altro.

Sale la tensione ma c'è sempre un clima di grande affiatamento e complicità nella sestina in corsa, reduce da un lungo tour di 20 giorni, in questa edizione di cui fanno parte anche Paolo Di Paolo che torna in finale allo Strega con Romanzo senza umani (Feltrinelli), Tommaso Giartosio con Autobiogrammatica (minimum fax) e Raffaella Romagnolo con Aggiustare l'universo (Mondadori).

La diretta tv

La diretta televisiva, dalle 23.00 su Rai3, avrà due protagonisti: Geppi Cucciari che torna per la quarta volta consecutiva e Pino Strabioli, già alla conduzione del più prestigioso premio letterario italiano nel 2016 e nel 2019. Ci saranno incursioni in platea e uno spaccato sulla storia del Premio che quest'anno ricorda Mario Soldati. Per esigenze televisive e per rispettare i limiti di capienza del museo gli ospiti saranno tra i sei e i settecento, circa trecento in meno delle precedenti edizioni quando in alcuni casi si è arrivati fin oltre i mille.

Anche i 400 Amici della Domenica non potranno esserci tutti alla serata, tra scontenti e punte polemiche. "Ci sarà anche qualche sorpresa e tra le altre novità il ripristino dello scrutinio dal vivo per gli ultimi 100 voti con le nuove schede anonime prodotte in automatico dal sistema di voto elettronico che verranno stampate" ha spiegato il direttore della Fondazione Bellonci, Stefano Petrocchi che presiederà il seggio in assenza della scrittrice premiata nella precedente edizione, Ada d'Adamo, scomparsa prima della finale il 1 aprile 2023.

Alla vigilia della serata è stata inaugurata la targa commemorativa a Maria e Goffredo Bellonci a via Fratelli Ruspoli 2, a Roma, nel palazzo dove ha preso vita il Premio Strega, ora Casa Museo e sede della Fondazione Bellonci. "La targa ricorda che in questa casa non solo i Bellonci hanno vissuto a lungo, fino al 1951, ma che ci è passata la storia della letteratura italiana in un periodo particolare. L'11 giugno del '44, a una settimana dalla liberazione di Roma, Maria Bellonci disse: 'possiamo incontrarci senza più nasconderci" ha ricordato il presidente della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine.

In abito firmato

"Non è solo un modo per onorare Maria e Goffredo Bellonci e la loro impresa, ma anche per non dimenticare il rapporto che la comunità che ruota intorno al premio Strega ha avuto con questa città" ha aggiunto. Alla 78/ma edizione trova nuova linfa anche l'attenzione agli abiti e alla moda che negli anni '50, '60 e '70 ha accompagnato il Premio Strega. I finalisti vestiranno tutti abiti firmati: così vedremo Chiara Valerio in Dior, Donatella di Pietrantonio vestita da Etro Raffaella Romagnolo da Missoni, Dario Voltolini e Paolo Di Paolo da Lardini e Tommaso Giartosio da Gucci. "Sarebbe molto belle se nelle sfilate e competizioni di moda venissero donati dei libri" dice Giartosio. "Non capisco perché l'unica categoria che non dovrebbe vestire abiti firmati è quella degli scrittori" afferma Di Paolo rispondendo alle polemiche suscitate dall'ingresso degli stilisti sul palco dello Strega. La pubblicità più bella è Jean Cocteau che vende televisori per Ribet-Desjardins che è una catena di grandi magazzini tecnologici. L'editoria è strabica un occhio al mercato e uno allo spirito" dice Chiara Valerio.

di Tiscali Cultura/Mauretta Capuano per Ansa   
I più recenti
Bagnoli com'era, anche l'archivio storico torna alla città
Bagnoli com'era, anche l'archivio storico torna alla città
Nuovi spazi Palazzo Reale. Sangiuliano: un viaggio nella storia
Nuovi spazi Palazzo Reale. Sangiuliano: un viaggio nella storia
Carditello, con Perino & Vele arriva l'arte contemporanea
Carditello, con Perino & Vele arriva l'arte contemporanea
Elle DeGeneres annuncia l'addio alle scene
Elle DeGeneres annuncia l'addio alle scene
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...