Tiscali.it
SEGUICI

Altro che eleganti signori della notte, un libro rivela che i veri vampiri erano rozzi e incivili

“Vampyr, storia naturale della resurrezione“, testimonianze e documenti storici che raccontano la verità dietro il mito

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   
Altro che eleganti signori della notte, un libro rivela che i veri vampiri erano rozzi e incivili

Hollywood ci ha regalato brividi ed emozioni nella costruzione di un immaginario vampirico fatto di nobiltà e charme tra conti transilvani, baronesse decadute e misteriosi viaggiatori dal look impeccabile ma la verità è ben lontana da questo immaginario.

Franceco Paolo de Ceglia docente di scienza nell’università di Bari, ha pubblicato con Einaudi “Vampyr, storia naturale della resurrezione” in cui svolge un’attenta e scrupolosa analisi multidisciplinare che parte dalle fonti scritte sul tema vampiri sia in letteratura che negli atti pubblici fino ad arrivare a una sorprendente scoperta: i vampiri erano contadini appartenenti a piccolissime comunità, spesso analfabeti e rozzi.

Dimentichiamo dunque il seducente accento di Bela Lugosi in “Dracula” o il magnetico sguardo di Gary Oldman in “Dracula di Bram Stoker”, la drammatica intensità di Klaus Kinski in “Nosferatu”, la bellezza senza tempo di Brad Pitt in “Intervista col Vampiro” e tantomeno Catherine Deneuve in “Miriam si sveglia a mezzanotte”.

Qui si parla di lavoratori manuali, trapassati spesso per problemi di alimentazione quando non uccisi da malattie o risse. Ma trapassati non vuol dire morti. Partendo dalla parola revenant, cioè colui che ritorna, comune a tutte le culture europee, dalla Grecia fino alla Polonia, passando per Germania, Ungheria, Inghilterra, De Ceglia ha ricostruito la storia della parola vampiro e anche il grande inganno ideato da Hollywood per rivestire di magia una realtà ben più cruda e orrorifica di un elegante uomo in abito scuro e mantello.

Si fa presto a dire vampiri

Ogni paese aveva il suo carico di documentazione e di leggende su creature risvegliate nelle proprie tombe e uscite di notte a tormentare i vivi. I nostri vampiri non erano necessariamente violenti, piuttosto dispettosi e si manifestavano ai vivi in cerca di cibo, oggetti, favori sessuali ma mai per bere il sangue. In nessuna di queste fonti si parla di bevitori di sangue, questa associazione è dovuta alla sovrapposizione con la strega che suggellava il patto di sangue col diavolo facendo dei sacrifici umani e bevendo dalle vittime per acquisirne la forza. Trattandosi di figure notturne nell’immaginario popolare queste creature si sono mischiate, così come è accaduto anche tra vampiro e il lupo mannaro, finendo per essere sovrapposte. E ogni paese da un nome e caratteristiche diverse agli erranti della notte: vurdalak, nachzeher, upir, ghul, moroi, strigoi, lamie, larve, kudlak.

E se non bastasse…

Pronti per un’altra rivelazione? Quando gli abitanti del villaggio, stremati dalle vessazioni del presunto morto e sepolto, scoperchiavano le tombe per procedere alla classica esecuzione con decapitazione, paletto, estrazione del cuore e fuoco purificatore, spesso queste erano piene di viveri come frutta, verdura, pane e latte. Altro che sangue, i vampiri erano per lo più vegetariani stando alle fonti fin dall’antica Grecia.

Insomma, all’apertura della bara di turno non c’era una bellissima e diafana creatura della notte ma il loro molesto vicino di casa, gonfio e rubizzo come in vita. Possiamo immaginare quale orrore provarono loro e quale delusione noi se oggi un film o un romanzo ci mostrassero vampiri così.

Il libro naturalmente spiega anche come l’apparente salute del corpo morto venisse scambiata per un chiaro segno di vampirismo e contiene i resoconti degli ufficiali e dei medici che presenziarono a questi riti. Autorità e scienziati tentarono invano di spiegare alla folla inferocita che si trattava di normali fasi della decomposizione e che la loro era solo superstizione.  

Insomma se avete fantasticato di sensuali morsi sul collo a lume di candela e di danzare in bellissimi castelli per l’eternità siete parecchio fuori strada.

Giacomo Pisanodi Giacomo Pisano   
I più recenti
Compagnoni e Lecedelli protagonisti del libro di Ardito
Compagnoni e Lecedelli protagonisti del libro di Ardito
Fenomeno Taylor Swift: i genitori la volevano agente di cambio. Curiosità e aneddoti nel libro con...
Fenomeno Taylor Swift: i genitori la volevano agente di cambio. Curiosità e aneddoti nel libro con...
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...