Tiscali.it
SEGUICI

Alla ricerca dei "Buchi bianchi dentro l'orizzonte" dell'universo: il nuovo intrigante libro di Carlo Rovelli

In uscita la nuova opera del grande fisico e straordinario scrittore che racconta il suo ultimo viaggio nella conoscenza dell'universo. "Cosa mi fa paura e cosa no"

TiscaliNews   
Carlo Rovelli e la copertina del suo ultimo libro (Ansa)
Carlo Rovelli e la copertina del suo ultimo libro (Ansa)

La nuova opera del grande fisico italiano è di quelli veramente interessanti. ''Nella copertina del libro ho voluto che fosse scritto molto chiaramente che non so se i buchi bianchi esistono davvero. Questo libro è il racconto di una ricerca in corso, non il resoconto di una ricerca conclusa''. A cosa sta lavorando ora? ''A cercare come potremmo vedere questi buchi bianchi, se esistono''. A spiegarlo all'Ansa è Carlo Rovelli - fisico responsabile dell'Equipe de gravité quantique del Centre de physique théorique dell'Università di Aix-Marseille - ed autore di tanti meravigliosi saggi (come Sette brevi lezioni di fisica, o L'ordine del tempo) che vuole sempre ''vedere un po' più in là''. Rovelli ha raccontato il suo ultimo viaggio nella conoscenza dell'universo in ''Buchi bianchi. Dentro l'orizzonte'' (ADELPHI, pp.144 - 14,00 euro) come un buco nero: ''Un buco bianco è la stessa cosa: una soluzione delle equazioni di Einstein. Per questo conosciamo bene anche loro'', scrive.

Rivolto a tutti

A chi si rivolgono i suoi libri, chi è il suo lettore ideale? ''Questo ultimo libro in particolare si rivolge a tutti. L'ho scritto pensando a un lettore che non sappia nulla di scienza. Ma scrivendo ho anche in mente i miei colleghi, che spero trovino interessante la prospettiva sulla natura che presento'', spiega l'autore, i cui libri sono tradotti in 40 paesi. Per lei la scienza sembra in qualche modo essere una forma d'arte...''Scienza e arte hanno linguaggi diversi, strumenti diversi, e obiettivi diversi. Ma hanno anche più cose in comune di quanto spesso pensiamo. Sono entrambe sforzi per trovare nuovi modi di vedere e comprendere il mondo. Grandi artisti di sempre si sono ispirati alla scienza del loro tempo e grandi scienziati hanno coltivato nell'arte la loro cultura, che li ha arricchiti anche di idee''. Parla del lavoro di vari scienziati e di come ogni scoperta sia sempre il superamento di una convinzione radicata che non si vuole mettere in discussione. Insieme però il lavoro dello scienziato è solitario e collettivo...

Un processo collettivo

''La scienza, come del resto tutta la cultura, è un vasto processo collettivo. Ci sono scienziati che hanno fatto passi più grandi, ma costruiscono sul lavoro di altri e i contributi importanti sono di tantissime persone. Non c'è contraddizione fra il lavoro collettivo e il lavoro solitario: si reggono l'uno sull'altro. Superare convinzioni radicate è difficile soprattutto perché non sappiamo mai quale fra le convinzioni è quella che abbandonare ci permette di capire meglio''.
Il suo libro è denso di citazioni e riferimenti letterari in particolare torna a più riprese il parallelo con la Divina commedia e il viaggio di Dante in un universo sconosciuto. Che peso ha per lei la letteratura e che lettore è Rovelli? ''Sono un lettore vorace da sempre. Leggo tantissimo. Soprattutto classici: letteratura occidentale, filosofia, letteratura orientale, saggistica sulle direzioni di ricerca e di pensiero che mi incuriosiscono. Spesso mi appassiono molto al libro che leggo''.

"Cosa mi fa paura e cosa no"

Leggendo ''Buchi bianchi'' io personalmente ho provato una sensazione di paura e di smarrimento di fronte a una scoperta che sposta ancora in avanti il livello di scarsa comprensione dell'universo lei invece viene pervaso dalla gioia della scoperta...che cosa le fa paura? ''Tante cose mi fanno paura. Mi fa paura la stupidità umana che ci trascina sempre in guerre, perché tutti vogliono essere i padroni del mondo. Mi fanno paura le bombe atomiche, che sono tantissime, e tutte puntate. Mi fa paura la crisi ambientale che cresce. Mi fa paura la possibilità di ritrovarmi da solo, ammalato, senza amore. Mi fa paura il dolore fisico. Mi fa paura la prospettiva di perdere le persone che amo, o di litigare con gli amici. Mi fa paura la vecchiaia. Certo non mi fa paura il fatto che non sappiamo tante cose dell'universo. E non mi fa paura per nulla l'idea di dover morire''.

TiscaliNews   

I più recenti

La Star, un thriller di Francesca Bertuzzi
La Star, un thriller di Francesca Bertuzzi
Tutto quello che credete di sapere su di me è falso. Afrodite, la dea dell'amore, racconta la sua verità
Tutto quello che credete di sapere su di me è falso. Afrodite, la dea dell'amore, racconta la sua verità

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...