Paola Egonu: vi svelo i miei segreti per brillare come una stella e superare ogni difficoltà

Il libro della più forte pallavolista al mondo è un invito a lottare per realizzare i propri sogni

Paola Egonu: vi svelo i miei  segreti per brillare come una stella  e superare ogni difficoltà

È la più forte giocatrice di volley al mondo, ha superato difficoltà e combattuto il razzismo, e ha solo 23 anni. Paola Egonu si racconta in un libro rivolto alle generazioni più giovani perché non rinuncino mai ai loro sogni.

18 segreti per diventare stelle

Si intitola così il libro che Paola Egonu ha appena pubblicato per Il Battello a vapore. La campionessa che, in occasione delle ultime Olimpiadi ha avuto anche l’onore di portare la bandiera nella cerimonia di apertura, subito spiazza il lettore con una dichiarazione di intenti “Forse quando avete letto il titolo di questo libro, avrete pensato “Quanto se la tira Paola Egonu”! Niente di più lontano dalla realtà e nello scorrere delle pagine, arricchite dalle illustrazioni di Emanuele Giulianelli, scopriamo una giovane donna molto determinata ma con le sue fragilità. La lontananza dalla famiglia a soli tredici anni per inseguire il sogno di una carriera sportiva ai massimi livelli, il sacrificio di allenamenti estenuanti alla ricerca del colpo perfetto, lo sforzo di crescere in mezzo a compagne altrettanto ambiziose imparando convivenza, disciplina e rispetto. C’è tutto questo nel libro di quella che, a soli 23 anni, è considerata la migliore giocatrice al mondo e molto di più.

Non solo gloria

Non ci sono solo i consigli per mantenersi in salute e imparare ad ascoltare il proprio corpo infatti, ma anche tante riflessioni su come mantenere una visione della vita aperta, su come essere accoglienti e sull’importanza di accettare la diversità per migliorare la qualità della propria vita e di quella degli altri. A soli tredici anni Paola subì insulti razzisti da parte dei genitori delle sue avversarie che, durante le partite, le gridavano di tornare al proprio paese o di lasciare la pallavolo per limitarsi a pulire il campo. Episodi che l‘hanno fatta soffrire e segnata, ma che allo stesso tempo la hanno resa più determinata a emergere e divenire un punto di riferimento per tutte le sue compagne. Considerata un leader della nazionale italiana, la Egonu, si è sempre mostrata naturale e semplice sia con i media che con i fan. “Al termine di una partita in cui non ero soddisfatta - scrive Paola – ho incontrato una bambina fuori dal palazzetto. Stava piangendo perché era contenta di avermi visto giocare. Le ho chiesto se si era divertita e mi ha risposto ‘si, un sacco’, e le ho sorriso”.

Una vita difficile anche quando tutto va bene

I campioni non hanno vita facile: la pressione delle gare, la fatica degli allenamenti, il tempo libero ridotto ai minimi termini fanno che si che sulle loro spalle si accumuli un grande peso. Stare lontani dalle persone a cui si vuole bene costringe a crescere in fretta, a diventare indipendenti molto presto e sviluppare tante doti. L’importante é avere sempre un obbiettivo misurabile che permetta di affrontare gli impegni con serenità. Paola si rivolge soprattutto ai più giovani, spronandoli a non abbandonare i propri sogni, a sperimentare e studiare finché non trovano, finalmente, la loro strada e possano seguirla con entusiasmo e determinazione. Imparare ad ascoltarsi e volersi bene è forse il più importante segreto dei diciotto proposti nel libro, poiché in esso si nasconde l’essenza della felicità.