"Non è lei", il giallo di Maria Francesca Chiappe e un "certo" giornalismo che uccide due volte

Video intervista a Maria Francesca Chiappe, giornalista cagliaritana che si è a lungo occupata di cronaca giudiziaria. Il suo primo giallo racconta i temi dell'informazione morbosa, una forte amicizia fra donne e l'uso che facciamo dei social...

Villasimius, Cagliari. La stagione balneare è finita, quando una donna magistrato viene uccisa a pochi passi dal mare. Nessuno ha visto né sentito nulla e gli inquirenti non sanno da dove cominciare. Allora si concentrano sulle sue attività social e le relazioni private, e mettendo a nudo la vita della vittima ne svelano le umane debolezze. Come spesso accade, le informazioni intime finiscono sui giornali e l’esistenza di una donna riservata viene esposta alla pubblica curiosità, in una sorta di massacro postumo. Ma c’è qualcuno che non ci sta: Annalisa, cronista televisiva, userà qualsiasi mezzo affinché la memoria della sua amica sia ripristinata e la verità, anche investigativa, venga finalmente a galla.

Maria Francesca Chiappe è una giornalista cagliaritana, si è a lungo occupata di cronaca giudiziaria. Ha lavorato anche in televisione dove ha ideato e condotto programmi di cronaca nera. Nel 2008 ha vinto il Premio Cronista dell’anno (carta stampata) dell’Unione nazionale cronisti italiani. Nel giugno 2017 è stata insignita dal Capo dello Stato dell’onorificenza di
Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. Ha pubblicato diversi libri-inchiesta su fatti accaduti in Sardegna.

Non è lei è il suo primo romanzo pubblicato per Castelvecchi editore