Tiscali.it
SEGUICI

A Pompei emerge un bellissimo sacello, poi la scoperta: è stato depredato. Lo sconcerto dell'esperto

Il direttore del parco Zuchtriegel sottolinea il valore della scoperta ma esprime anche "sconcerto" per la spoliazione del sacello avvenuta in passato da parte di scavatori clandestini

di Ansa   
A Pompei emerge un bellissimo sacello, poi la scoperta: è stato depredato. Lo sconcerto dell'esperto

Un altro gioiello sotto le ceneri di Pomepei. Un sacello, un ambiente dedicato al culto religioso, collocato in un punto di cerniera tra il settore di servizio (con stalle e la stanza degli schiavi) a sud e il complesso residenziale a nord della villa. E' una delle ultime scoperte negli scavi di Civita Giuliana, nel Parco archeologico di Pompei, visitati dal ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano.

Lo sconcerto

Il direttore del parco, Gabriel Zuchtriegel, sottolinea il valore della scoperta ma esprime anche "sconcerto" per la spoliazione del sacello avvenuta in passato da parte di scavatori clandestini: gesti destinati a non ripetersi più grazie al protocollo di collaborazione con la procura di Torre Annunziata che ha permesso di bloccare l'attività dei tombaroli.

Uno scavo di tutela attiva

"Vedere questo luogo di culto, annesso al quartiere produttivo della villa, ridotto in queste condizioni, fa male, anche perché ci sono pochissimi confronti per questo genere di ambienti. Paradossalmente, però, al tempo stesso, è incoraggiante: lo Stato c'è, insieme alla Procura della Repubblica e ai Carabinieri, il Ministero della Cultura sta recuperando un complesso di grandissima importanza. I rinvenimenti confermano quanto appurato dalla polizia giudiziaria e dalla Procura. Si tratta di uno scavo di tutela attiva e direi anche di giustizia, dopo anni di saccheggiamento", dice Zuchtriegel.

di Ansa   
I più recenti
Il mistero dei Guanci, il popolo scomparso
Il mistero dei Guanci, il popolo scomparso
Il giudice Terranova e il maresciallo Mancuso (Ansa)
Il giudice Terranova e il maresciallo Mancuso (Ansa)
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Un'opera di Botero e, nell'immagine a destra in alto, la figlia Lina (Ansa)
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...