Ricreazione, Marco Lanza e le piccole storie perse nel tempo

Ricreazione, Marco Lanza e le piccole storie perse nel tempo
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 25 GEN - Da probabile 'scarto' a opera aperta, dotata di infinite, nuove interpretazioni: si intitola "Ricreazione" la mostra di Marco Lanza allestita a Roma negli spazi della Noema Gallery dal 26 gennaio al 25 febbraio. A cura di Chiara Dall'Olio, il progetto fotografico dell'autore è nato dall'acquisto di migliaia di fotografie vernacolari sciolte, tutte relative al periodo tra 1920 e il 1970, e si è poi sviluppato con l'osservazione di ogni singola immagine e il successivo intervento artistico. Tagliando le fotografie attraverso una mascherina di plexiglas rettangolare o quadrata e ricomponendole, Lanza ha ricavato nuove opere, letteralmente estratte dagli originali: un modo per ritrovare, trasformandole, tante storie familiari inghiottite dall'oblio del tempo. Tutte venate da un sentimento di nostalgia, le nuove opere di Lanza raccontano di una vacanza in montagna o di momenti millimetrici tra padre e figlia, di scatti realizzati nel corso di una conferenza o di eventi familiari e sportivi. Dopo la mostra alla Noema Gallery, Lanza sarà uno degli artisti della fiera The Photography Show a New York (dal 30 marzo al 2 aprile 2023) organizzata da Aipad, alla quale parteciperà con la galleria parigina Sit Down. (ANSA).