Tiscali.it
SEGUICI

'Innocence', quei bimbi con le armi negli scatti di Castaldo

di Ansa   
'Innocence', quei bimbi con le armi negli scatti di Castaldo

(ANSA) - NAPOLI, 18 MAG - 'Innocence' è il titolo della mostra di Eduardo Castaldo, inaugurata a Napoli da Magazzini Fotografici: nelle immagini il racconto di una esperienza personale vissuta quattordici anni fa, durante la quale il fotografo, premiato già dal World Press Photo, si immerse nell'ambiente della base militare israeliana di Latrun per le celebrazioni di maggio del giorno dell'Indipendenza. Durante le festività, pensate per coinvolgere le famiglie dei soldati e i bambini, l'atmosfera di gioia si contrappone al contesto politico e sociale complesso che circonda questi giovani. Negli scatti, i soldati temporaneamente trasformati in animatori, mostrano con entusiasmo agli ospiti le attrezzature militari e coinvolgono i bambini in attività ludiche che simulano situazioni di combattimento.

Attraverso le immagini - modificate coprendo i bambini con 'fantasie' infantili - il fotografo invita a riflettere sulla delicatezza e drammaticità dell'associazione tra bambini e armi. Condividendo queste immagini dopo anni di riflessione, Castaldo ci spinge a considerare il percorso di quei bambini che ora sono diventati adulti e probabilmente soldati. "Portar via da queste fotografie non solo i volti di quei bambini, ma ogni singola parte dei loro corpi che sia visibile, non è solo un modo per proteggerli dal nostro sguardo, ma racconta l'ambizione di sottrarli alla dialettica di odio e de-umanizzazione che li ha violentati allora allo scopo di renderli oggi soldati", racconta Castaldo, napoletano classe '77, un passato da fotogiornalista free-lance nel Medio Oriente. Fotografo di scena per il cinema, ha esposto in molti paesi ottenendo premi come il Sony World Photography Award e si dedica alla street art. La mostra è curata da Alice Colantuoni. "Queste opere non mirano a documentare un evento passato, ma piuttosto servono a sollevare domande su come la società forma e condiziona le nuove generazioni, e su come possiamo proteggere l'innocenza e la dignità umana in contesti così complessi e carichi di tensioni. La mostra invita quindi a una riflessione profonda sull'etica e sulle implicazioni delle situazioni rappresentate, lasciando al pubblico il compito di trarre le proprie conclusioni" nota Yvonne De Rosa direttrice di Magazzini Fotografici. L'ingresso è gratuito fino al 16 giugno, prossime tappe negli Usa. (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Oltre l'orizzonte, 30 opere di Giovanni Anselmo al Maxxi
Oltre l'orizzonte, 30 opere di Giovanni Anselmo al Maxxi
Festivaletteratura, tra gli ospiti Dicker, Carrère e Lynch
Festivaletteratura, tra gli ospiti Dicker, Carrère e Lynch
Torna Ebraica, festival internazionale di cultura
Torna Ebraica, festival internazionale di cultura
Torna a Bologna la 16/a edizione del Festival Francescano
Torna a Bologna la 16/a edizione del Festival Francescano
Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...