Formigli, i no vax? La mia tv non censura ma ragiona

Formigli, i no vax? La mia tv non censura ma ragiona
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 15 SET - "Parliamo ossessivamente del green pass, ma i temi che rischiano di dividere davvero il Paese sono quelli dell'industrializzazione e del lavoro. Vogliamo spostare sui temi che riguardano la carne, il sangue e il futuro degli italiani". Corrado Formigli torna da domani in prima serata con l'undicesima edizione di Piazzapulita su La7 e - come racconta in un'intervista all'ANSA - oltre a vestire i panni del conduttore, tornerà a fare l'inviato. Già nella puntata d'esordio sarà trasmesso un suo reportage da Campi Bisenzio sulla vicenda dell'azienda di automotive Gkn, che ha licenziato per mail quasi 500 dipendenti. Il programma riparte con un nuovo studio e una grafica rinnovata, molto lineare che richiama le origini di Piazzapulita. "Una struttura - spiega Formigli - scandita da inchieste, con un numero di ospiti abbastanza modesto per dare la possibilità ai reportage di respirare". Ospiti della prima puntata Giuseppe Conte, per la prima volta a Piazzapulita, Alessandro Di Battista e Marco Minniti a duellare sull'Afghanistan, l'immunologo Sergio Abrignani e Andrea Crisanti, oltre a Tito Boeri (insieme a lui nella squadra di commentatori del programma, attesi nelle puntate successive, anche Antonio Padellaro, Mario Calabresi, Annalisa Cuzzocrea e la new entry Alessandra Sardoni). Nuova rubrica affidata a Selvaggia Lucarelli, dal titolo #piazzaselvaggia, per fare le pulci alla sua maniera al mondo politico, degli influencer e dei vip. Resta anche lo spazio riservato a Stefano Massini. Pur ampliando lo spettro degli argomenti, il programma non potrà non affrontare i temi della pandemia, senza sbattere la porta davanti a nessuno. "I no-vax sono un fenomeno minore ma, anche se c'è solo il 10% di persone che la pensa così, bisogna raccontarlo. Bisogna metterli di fronte alle fake che propagano. La televisione non cancella niente e nessuno, altrimenti diventano eroi censurati. La tv deve far ragionare, contestualizzare". Quale è l'ospite che vorrebbe avere in trasmissione? "Vorrei tanto avere Mario Draghi - rivela -. Che non si possa neanche osare di chiedere la sua presenza lo trovo abbastanza anormale. Invito Draghi ad aprirsi un po' di più sulla comunicazione, a dare più risposte". (ANSA).