Fiera Ragazzi, l'Ucraina in 'stand manifesto' e corner Books

Fiera Ragazzi, l'Ucraina in 'stand manifesto' e corner Books
di Ansa

(dell'inviata Mauretta Capuano) (ANSA) - BOLOGNA, 21 MAR - "Do not keep silent", "Stop Russian Aggression", "Read Ukraine". Si è trasformato in uno stand "manifesto" dove al posto degli editori ucraini che avrebbero dovuto partecipare alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, inaugurata il 21 marzo, ci sono appelli di protesta contro la guerra e le sue violenze appesi alle pareti nude. L'Ucraina è presente alla 59/a Bologna Children's Book anche con Ukrainian Books, un'esposizione di libri ucraini al Centro Servizi, organizzata da Bcbf in collaborazione con i suoi espositori e con l'Ukrainian Book Institute. E qui si può vedere un libro illustrato speciale 'The War: The Children Who Will Never Get to Read Books (My Bookshelf Publishing House, Kyiv, 2022), realizzato in brevissimo tempo da Masha Serdiuk con le illustrazioni di Tetiana Kaliuzhna. L'opera è stata stampata eccezionalmente a Bologna in un'unica copia. "Questo libro non avrebbe mai dovuto esistere. Perché è un libro su bambini che non potranno mai leggere libri. Perché le loro vite sono state portate via", hanno detto le autrici del volume basato su storie vere che racconta senza "nessun abbellimento, nessun sentimentalismo. Solo la nuda, disadorna, brutta verità". E c'è anche il libro 'Vijna, Sco Zminyla Rondo' di Romana Romanyshyn e Andriy Lesiv (The Old Lion Publishing House, Ukraine) pubblicato in Italia da Jaca Book con il titolo 'La guerra che cambiò Città Tonda', che ha ricevuto una menzione speciale al BolognaRagazzi Award 2015 e con cui Bcbf lancia un messaggio di speranza e di pace. La mostra al Centro Servizi raccoglie molti dei titoli ucraini vincitori e candidati alle precedenti edizioni del BolognaRagazzi Award, ma anche titoli ucraini tradotti in lingue diverse. Una collezione di novità è inoltre in arrivo dall'Ukrainian Book Institute grazie a una rete di volontari, come annunciato all'inaugurazione dal sindaco di Bologna, Matteo Lepore. E la Fiera del Libro per Ragazzi, insieme all'International Conference of Book Fair Directors riafferma il valore della pace anche attraverso le parole dell'israeliano Etgar Keret atteso il 22 marzo al Caffè Illustratori con la lecture 'Che storie si possono raccontare in tempo di guerra? '. (ANSA).