Tiscali.it
SEGUICI

Ferrara dedica mostra a Piero Guccione, il pittore del mare

di Ansa   
Ferrara dedica mostra a Piero Guccione, il pittore del mare

(ANSA) - FERRARA, 04 OTT - A poco più di cinquant'anni dall'ultima mostra ferrarese dedicata a Piero Guccione, Ferrara torna ad omaggiare questo maestro del Novecento che, come ha scritto Vittorio Sgarbi, "dopo la morte di Fontana, Gnoli e Burri ha rappresentato la sintesi suprema di pittura figurativa e astratta" in Italia. L'esposizione, dal 7 ottobre all'8 gennaio al Padiglione d'Arte Contemporanea, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dal Servizio Musei d'Arte del Comune in collaborazione con Il Cigno Arte e l'Archivio Piero Guccione, ripercorre l'intera produzione dell'artista con oltre settanta opere tra dipinti e pastelli suddivisi in due capitoli: gli anni a Roma (1957-1972) e il ritorno in Sicilia (1970-2014).

Il percorso espositivo mette a fuoco i temi prediletti dal pittore: dal rapporto fra il paesaggio urbano e la natura, alle poetiche e delicate variazioni sul tema del mare e del cielo, passando per gli omaggi ai grandi maestri del passato. Piero Guccione (1935-2018) nasce a Scicli (Ragusa) e nel 1954 si trasferisce a Roma, dove frequenta i pittori neorealisti, guardando sia a Renzo Vespignani, con il quale condivide la militanza nel gruppo Il Pro e il Contro - insieme ad Attardi, Calabria, Guerreschi, Gianquinto, Farulli, Ferroni, i critici Micacchi, Del Guercio, Morosini - sia a Renato Guttuso, di cui è assistente all'Accademia, ma del quale non condivide le inclinazioni espressioniste. Nell'ambiente romano prende avvio la sua ricerca artistica e formale e nascono i paesaggi urbani, quali i Balconi, i Giardini e Interni-esterni: opere caratterizzate da un taglio innovativo e tratte da una quotidianità comune in cui riecheggiano rimandi a Cézanne, Bonnard, Morandi. Alla fine degli anni Sessanta, con il ciclo delle Attese, lo spazio si fa più metafisico e a partire dal decennio successivo, con il rientro in Sicilia, comincia a dipingere il mare cercando di coglierne vibrazioni e variazioni. Parallelamente lavora ai cicli dedicati all'albero di carrubo e ai monti Iblei, realizzati con la tecnica del pastello mentre, con la serie dei d'après, si confronta con alcuni celebri capolavori di Masaccio, Signorelli, Michelangelo, Giorgione, Caravaggio, Vermeer, Chardin, Friedrich, Bacon. (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

Successo per #domenicalmuseo, Sangiuliano 'cultura è identità'
Successo per #domenicalmuseo, Sangiuliano 'cultura è identità'
Globesity, il food thriller di Andrea Segrè
Globesity, il food thriller di Andrea Segrè
Barbara D'Urso, dolore per la cacciata da Mediaset è ancora qua
Barbara D'Urso, dolore per la cacciata da Mediaset è ancora qua
>>>ANSA/ Globesity, il food thriller di Andrea Segrè
>>>ANSA/ Globesity, il food thriller di Andrea Segrè

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...