Alessandro Haber si racconta in Volevo essere Marlon Brando

Alessandro Haber si racconta in Volevo essere Marlon Brando
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 15 SET - ALESSANDRO HABER CON MIRKO CAPOZZOLI, 'VOLEVO ESSERE MARLON BRANDO (MA SOPRATTUTTO GIGI BAGGINI)' (BALDINI+CASTOLDI, pp 436, EURO 19.00). L'infanzia scanzonata a Tel Aviv, il rientro in Italia, la scoperta di una passione smodata per la recitazione e il desiderio di approdare a Hollywood. Alessandro Haber si racconta, per la prima volta, in 'Volevo essere Marlon Brando', un'autobiografia schietta, sincera e fuori dagli schemi, scritta con il regista e montatore Mirko Capozzoli, in libreria il 30 settembre per Baldini+Castoldi. Libero, creativo, nevrotico, appassionato, straripante, in queste pagine Haber fa ridere e commuovere. Descrive nei particolari e senza peli sulla lingua una carriera lunga più di cinquant'anni, tra cinema, teatro, spettacoli e persino musica. Racconta le partite a carte con i suoi "maledetti amici", le avventure e le invidie, le prime a teatro, i provini andati bene e quelli andati male, la corsa a conoscere Orson Welles, incontrato per strada, e le partite a tennis con Nanni Moretti, le belle donne, le occasioni perse, il sesso e i tradimenti, e poi l'amore incondizionato per Celeste che, da sedici anni, lo "costringe" a interpretare ogni giorno il ruolo di padre. '"Sandrino cosa vuoi fare da grande?' 'Da grande, mamma, voglio fare l'attore.' 'Sì, vabbe', poi ti passa.' Diciamocela tutta, non mi è mai passata". Come sul palcoscenico in 'Volevo essere Marlon Brando' il racconto segue un flusso a volte imprevedibile, accelerato che ci restituisce la vitalità istintiva di Haber. (ANSA).