Tiscali.it
SEGUICI

Tentano l'assalto alla Gioconda, ma la Monna Lisa resta al Louvre. Respinto l'attacco

Non passa la richiesta dell'organizzazione di cui non si conoscono né la sede, né i componenti. Il Consiglio di Stato rigetta la richiesta di International Restitutions . sosteneva di agire "per conto dei discendenti degli eredi" del grande artista

TiscaliNews   

La notizia in se non crea neppure sorpresa. Ma la storia è piena di aspetti singolari e incuriosisce. La Gioconda può restare dove si trova da 227 anni, al Museo parigino del Louvre. Il Consiglio di Stato francese ha respinto il ricorso di un'associazione che sosteneva come il re di Francia Francesco I si fosse illegittimamente appropriato dell'opera nel 1519. Quanto richiesto da International Restitutions, misteriosa organizzazione di cui non si conoscono né la sede, né i componenti, si è vista rigettare l'istanza "manifestamente inammissibile" con una multa di 3.000 euro per lite temeraria.

L'enigmatica associazione sosteneva di agire "per conto dei discendenti degli eredi" di Leonardo da Vinci, senza però indicare chi fossero e non avendo quindi il mandato a rappresentarli. I giudici hanno chiarito che questo ipotetico diritto spetterebbe solo a loro, concludendo come in ogni caso un'istituzione repubblicana di oggi non possa essere chiamata a pronunciarsi su questioni risalenti ai tempi all'Ancien Régime.

Video

Non è la prima volta

Non si tratta del primo bizzarro tentativo di International Restitutions a movimentare la conservazione delle opere d'arte.
Nel 2022 l'associazione ha chiesto che dalle opere esposte al Castello di Fontainebleau fossero escluse quelle "saccheggiate dal Palazzo d'Estate di Pechino" da parte delle truppe francesi nel 1860. Anche in questo caso il Consiglio di Stato ha rimandato la richiesta al mittente, affermando come l'organo statale fosse privo della legittimazione giuridica a pronunciarsi.

Fu Leonardo a portarla in Francia

La Gioconda si trova in Francia dal 1516, quando Leonardo da Vinci, caduto in disgrazia presso la Casata dei Medici, si mise sotto la protezione di Francesco I. All'arrivo in Francia portò con sé alcuni suoi dipinti, tra cui il ritratto della leggendaria Monna Lisa, realizzato tra il 1503 e il 1506. Offrì le sue opere al sovrano francese, che in cambio gli corrispose una cospicua pensione. Il dipinto più famoso del mondo divenne parte delle collezioni reali e dal 1797 entrò nel catalogo del Louvre. Tutto fa pensare che ci rimarrà ancora a lungo.

TiscaliNews   

I più recenti

Ritrovato il Giudizio Universale di Ginevra attribuito a Michelangelo
Ritrovato il Giudizio Universale di Ginevra attribuito a Michelangelo
Il Giudizio di Ginevra, capolavoro ritrovato di Michelangelo (Ansa)
Il Giudizio di Ginevra, capolavoro ritrovato di Michelangelo (Ansa)

Le Rubriche

Daniela Amenta

Sono giornalista. E ho scritto anche tre libri diversissimi tra loro: un giallo...

Fabio Marceddu

1993 - Diploma triennale come attore dell'Accademia d'arte drammatica della...

Ignazio Dessi'

Giornalista professionista, laureato in Legge, con trascorsi politico...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Stefano Miliani

Giornalista professionista dal 1991, fiorentino del 1959, si occupa di cultura e...

Francesca Mulas

Giornalista professionista, archeologa e archivista, è nata a Cagliari nel 1976...

Giacomo Pisano

Giornalista pubblicista, laureato in archeologia medievale, da vent’anni si...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...

Claudia Sarritzu

Giornalista, per 10 anni anni ha scritto di politica nazionale e internazionale...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cronache Letterarie

Ho fondato Cronache Letterarie nel 2011 con un’attenzione a tutte le forme di...