Dalla Vespa alla Moka, il meglio delle icone del design italiano

Il museo Tattile Statale Omero di Ancona ha creato una sezione sugli oggetti d’eccellenza che hanno accompagnato la vita quotidiana: li descrive il curatore Fabio Fornasari. La Mole Vanvitelliana ospita anche la mostra “Terra sacra”

Chi non ha gustato un caffè fatto con la mitica Moka Bialetti dal buffo ometto disegnato su uno degli otto lati? Un oggetto geniale e di una bellezza limpida ed efficace: ha più di 60 anni ed è imbattibile. Oppure avete mai aperto una bottiglia con il sorriso stampato in viso usando il simpaticissimo cavatappi di Alessandro Mendini a forma di figura femminile? O magari vi sarà capitato di ascoltare musica o parole alla radio attraverso il comodo Cubo ideato da Richard Sapper e Marco Zanuso per Brionvega nel 1964 o di viaggiare su una Vespa figlia di quella disegnata nel 1946 da Corradino D’Ascanio per la Piaggio.

Discettiamo qui di oggetti che hanno rappresentato al meglio il design italiano, l’esercizio della fantasia alla portata della vita quotidiana, perché si sono guadagnati uno spazio molto speciale: una sezione tutta per loro al Museo Tattile Statale Omero di Ancona. Concepito per ipo vedenti e non vedenti, ovvero i ciechi, dove tutti possono toccare i modelli dei principali monumenti e sculture della penisola, dalla Lupa capitolina al David di Michelangelo, l’istituto nella Mole Vanvitelliana e il Comune con notevole intelligenza hanno spalancato una finestra sul design nostrano: per le cure di Fabio Fornasari il museo raccoglie 32 iconici oggetti (più altri pezzi annessi) che hanno vinto o sono stati menzionati dal Compasso d’oro, premio serio e di levatura internazionale sul design industriale. Dal divano Bocca Marylin alla macchina da scrivere, sotto queste volte incontriamo pezzi iconici che ci invitano a essere toccati, non soltanto a essere visti. Forse sarà utile chiarirlo: il museo è un luogo dalla luminosità avvolgente che chiunque può esplorare e apprezzare, anche chi ha la vista perfetta.

Clicca qui per il Museo Omero

Il curatore Fabio Fornasari: “Il design è bellezza”

Architetto, museologo, direttore artistico del Museo Tolomeo di Bologna, alla domanda sul perché aprire una finestra sul design all’istituto dedicato a chi non vede Fornasari risponde: “Anche il design è bellezza. Il presidente Aldo Grassini e Daniela Bottegoni si sono domandati: si può riconoscere se il bello è tangibile al tatto? La risposta è affermativa: indaghiamo oggetti belli nella dimensione estetica e nella tattilità. Il Compasso d’oro significa che è stata premiata non solo la loro bellezza esteriore quanto l’intera costruzione del prodotto, la relazione tra industrial design, impresa e lavoro. Sono oggetti capostipite di una famiglia: la televisione Brionvega e la lampada Eclisse sono i primi di tante imitazioni”.

Questi pezzi raccontano tante storie e in fondo un principio democratico: l’oggetto dotato di bellezza deve essere disponibile per ogni ceto sociale, non solo per aristocratici o benestante. Non sarà un caso se Fornasari a Tiscali Cultura dice: “Risentono di quella modernità che ha prodotto materiali e modi di intendere l’abitare nuovi. Non c’è solo l’appartamento borghese del dopoguerra con il salotto buono: la casa si apre al tempo libero, a un nuovo uso dello spazio, l’orbita si allarga”.

Tra Valentine e Audrey Hepburn 

La disposizione è per temi: viaggiare, abitare, cucinare, lavorare, giocare. Dalla efficientissima macchina da scrivere portatile “Valentine” della Olivetti progettata da Ettore Sottsass e Perry A. King nel 1968 alla Vespa Piaggio omaggiata da tanto cinema a cominciare dalle “Vacanze romane” con Gregory Peck e Audrey Hepburn. Di cosa parliamo quindi? Parliamo di compagni di vita dalle forme semplici, nitide, funzionali, frutto di un’Italia che sperimentava molto. Già. Oggi quello spirito di sperimentazione vive ancora? “Il design italiano ha un sapere che lavora dall’artigianato. Oggi è diverso ma, con modalità diverse, quello spirito c’è”, risponde Fornasari.

Clicca qui per la sezione design del museo Omero

Un luogo unico nel suo genere

Un luogo simile è unico in Italia? “A Milano abbiamo il Museo del Compasso d’oro e quello della Triennale. Ad Ancona siamo gli unici a interrogare gli oggetti con queste modalità, con la tattilità”, prosegue Fornasari. Trentadue i pezzi, “variazioni” le definisce il museologo, su banconi curvilinei sotto le volte a mattone che restituiscono un’atmosfera calda, quasi come essere a casa. Le curve e i colori morbidi addolciscono la visita. “Abbiamo anche oggetti parenti dei 32 selezionati arrivando a oltre 50. Per esempio con la Minerva pop usata per i 45 giri negli anni ’60 abbiamo anche il porta 45 giri della Cartel”. Il numero 32 non è casuale: “È un numero fortunato nella cultura musicale, pensiamo alle variazioni Goldberg di Bach”.

Clicca qui per il Compasso d’oro

Qualche informazione pratica

Accompagnano il percorso suoni del sound designer Paolo Ferrario e la voce di Chiara Alessi, docente di design al Politecnico di Milano. Chi ha disabilità visive può seguire il percorso in autonomia usando un sistema di audioguida speciale, con auricolari e braccialetti che emanano vibrazioni ideato dalla Cpu I-Teach.

Dal cortile interno nella settecentesca Mole vanvitelliana a pianta pentagonale nel porto di Ancona si arriva all’ala sul design dall’ingresso Mandracchio, separata da quella del museo Omero, e il biglietto costa 5 euro. La sezione è permanente, scaturisce da una donazione dell’Associazione per il Museo Tattile Statale Omero ed è dedicata all’ex-direttore Roberto Farroni.

 

Terra sacra, arte alla Mole di Ancona 

 

Paesaggi interiori ed esteriori nella Terra sacra alla Mole

Se il design al museo Omero implica un benefico prendersi cura della vita di tutti, vale segnalare una mostra in corso fino all’8 maggio sempre nella Mole anconetana che suggerisce un prendersi cura di noi, del nostro “paesaggio interiore” e di quello “esteriore” come suggerisce un suo capitolo risollevandoci dalle macerie del terremoto 2016 e, non ultimo, dagli effetti della pandemia del Covid: la rassegna ha iltitolo evocativo di “Terra sacra”, il curatore è Flavio Arensi, raccoglie dipinti, sculture, video, disegni, foto, video, fumetti più un piccolo gruppo di opere d’arte impacchettate perché salvate dal sisma del Centro Italia di cinque anni fa e custodite nel deposito ad Ancona della Soprintendenza Belle Arti, Paesaggio e Archeologia delle Marche. Circa 120 opere di una quarantina di artisti da Gina Pane a Quayola, da Titina Maselli a Leonardo Cremonini, da Gregorio Botta a Flavio Favelli, da Salvo a Zerocalcare, “riflettono sul rapporto tra natura e uomo”, dicono gli organizzatori. Un rapporto su cui è quanto mai urgente riflettere.

Clicca qui per il link alla mostra Terra sacra