L'artista Daniele Serra è l'unico italiano candidato al World Fantasy Award

"Un'emozione grandissima: mai avrei pensato che un giorno il mio nome sarebbe stato accanto a quello dei grandi della letteratura e del cinema horror e fantasy". Daniele Serra, illustratore cagliaritano, è ancora incredulo alla notizia di essere considerato tra i migliori artisti al mondo per il World Fantasy Award, uno dei più prestigiosi premi internazionali di fantasy. L'annuncio della candidatura è arrivato pochi giorni fa: il nome di Serra compare accanto a quello di Rovina Cai, Jeffrey Alan Love, Reiko Murakami e Charles Vess nella categoria 'Best artist'. E' l'unico italiano tra i circa quaranta illustratori, artisti e scrittori di tutto il mondo in lizza per i premi che saranno assegnati tra il 4 e 7 novembre a Montreal, in Canada, in occasione della World Fantasy Convention.  

Daniele Serra, 44 anni, vive a Cagliari. Dopo aver lavorato come grafico per una società di comunicazione oggi si dedica all'arte e alla creatività a tempo pieno con lavori pubblicati in tutto il mondo, soprattutto Usa e Inghilterra, per scrittori, sceneggiatori e registi. Ha pubblicato illustrazioni e copertine per Image Comics, BOOM! Studios, Titanic Comics, IDW Publishing, Seraphim Inc. Tra i nomi con cui ha lavorato ci sono Clive Barker per l'antologia di "Hellraiser" (2017), Joe R. Landsale con cui ha firmato la graphic novel 'I tell you it's love' (2014), Stephen King in "Tommyknockers". Ha disegnato oltre 250 copertine per Joe R. Lansdale, Williamo Hope Hodgson, Alan Miller, Tim Waggoner, Brian Stableford, e diversi artwork per progetti musicali. Le sue illustrazioni sono comparse inoltre nel fim "Cell" di Tod Williams tratto dl libro di Stephen King. 

"Ho studiato da autodidatta - ci ha raccontato - ho iniziato con la pittura a olio e oggi lavoro soprattutto con gli acquerelli: il mio stile e il mio tratto sono il risultato di un processo istintivo che nasce dalle mie passioni, dal cinema horror e di fantascienza ai fumetti. Mi sembra ancora incredibile pensare che sto lavorando con i miei miti: un sogno che diventa realtà".