500 anni dalla morte, per Raffaello anniversario al buio

500 anni dalla morte, per Raffaello anniversario al buio
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 04 APR - Drappi neri stesi come morbide coperte sui disegni, fragilissimi e preziosi. E oscurità ovunque, rischiarata solo dal lampeggìo degli allarmi, nel silenzio di una notte che dura da quasi un mese. Sarà un anniversario al buio, il 6 aprile, quello dei 500 anni dalla morte di Raffaello. Con il mondo sconvolto dall'infuriare della pandemia e la mostra più importante, quella che si è aperta e subito richiusa alle Scuderie del Quirinale, tenuta amorevolmente al riparo, racconta all'ANSA il presidente dell'istituzione romana Mario De Simoni, "quasi come una Bella Addormentata in attesa di un principe che la risvegli". Ammessi in visita solo un restauratore, che due volte alla settimana si fa un giro per accertare che non ci siano sofferenze, il tecnico degli impianti che deve controllare il funzionamento della super sofisticata climatizzazione e naturalmente il personale per la sorveglianza che come in tutti i luoghi dell'arte è stata molto potenziata. Altre mostre sono in programma in Italia se e quando si riprenderà, alla Galleria Nazionale dell'Umbria, ad esempio, dove dal 9 ottobre al 10 gennaio 2021 è in programma l'esposizione delle sette copie perugine della Deposizione Baglioni. O a Città di Castello, sempre in Umbria, con Raffaello Giovane e il suo sguardo sull'analisi della cultura figurativa. Mentre al Mart di Rovereto, dal 2 ottobre, dovrebbe aprire Picasso de Chirico e Dalì, dialogo con Raffaello. E a Roma Villa Farnesina ha spostato rispettivamente all'autunno e al marzo 2021 le sue due iniziative. L'appuntamento più ghiotto resta comunque a Londra, dove alla National Gallery è in programma dal 3 ottobre al 24 gennaio 2021 la seconda grande esposizione dell'anno dedicata al genio urbinate. (ANSA).